Stop ai luoghi comuni: in Valtellina non piove tanto

C’è una cosa che fa arrabbiare tremendamente i valtellinesi che operano nel turismo e non solo. Il fatto che ogni volta che piove più del solito i media regionali e nazionali titolino con “smottamenti e allegamenti in Valtellina” e simili, arrivando spesso ad accostare alla nostra terra quella parola che per certo giornalismo è una calamita troppo forte: alluvione!
Non possiamo negare che le nostre valli siano soggette a rischio idrogeologico, come del resto non si può dimenticare che nel 1987 siamo stati flagellati da un’alluvione che non dimenticheremo mai, ma non è possibile che ogni volta che un ruscello si intasa e bagna un orto si gridi al disastro.
Il giornalismo in Italia non passa un gran momento, è noto, organici ridotti all’osso che devono fronteggiare la globalizzazione dell’informazione “a tempo zero”, con la conseguenza che non c’è il tempo di verificare le notizie, però esistono ancora i telefoni e addirittura le webcam per informarsi, senza dimenticare i milioni di utenti dei social network che spesso fanno meglio dei giornalisti.
Comunque lo scopo di queste righe è un altro, cioè sfatare il luogo comune che in provincia di Sondrio piova molto. Anzi è il contrario, la vicinanza del Lago di Como e la conformazione territoriale, oltre ad altri aspetti meteorologici, fanno sì che da noi piova meno che altrove, al massimo, qui è il problema, piove in modo concentrato.
Inoltre forse non tutti sanno che, alla base della qualità dei vini che nascono sui terrazzamenti vitati della sponda retica, c’è proprio questo fatto, pioggia sotto la media e microclima particolare dovuto alla presenza di rocce, pochi metri sotto la terra riportata sui muretti, che trattengono il calore, con una bassa escursione termica rispetto alle Alpi.

News su Telegram o WhatsApp
Scarica la nostra APP Android

Ultime Notizie