Dicembre 4, 2022 18:06

Riscaldamento a pavimento: vantaggi e risparmio

Tra le scelte per il riscaldamento domestico che riducono l’impatto ambientale e, soprattutto, il costo della bolletta va annoverato il riscaldamento a pavimento.

Soprattutto nei nuovi edifici si sta imponendo come una valida alternativa ai termosifoni che ottimizza le prestazioni energetiche grazie ad un sistema di funzionamento efficiente ed economico che permette di tutelare l’ambiente e risparmiare energia e soldi. E al fatto che è ideale per qualsiasi tipologia di ambiente.

Questa tipologia di impianto di riscaldamento ha comunque vantaggi e svantaggi, come tutti i sistemi.
L’acqua che scorre all’interno delle serpentine viene riscaldata grazie ad una caldaia a gas, pellet o pompa di calore (a volte si sfruttano pannelli solari termici) e funziona con basse temperature dell’acqua, con un netto risparmio rispetto ai radiatori.

Riscalda in modo silenzioso e assicura ambienti confortevoli in ogni stagione, grazie al fatto che i tubi vengono collocati al di sotto del pavimento emettendo e distribuendo uniformemente e in modo omogeneo calore dal basso verso l’alto in tutta la stanza, eliminando il problema della zone fredde, tipica dei caloriferi, che hanno la tendenza a concentrare il calore vicino alla fonte di emissione.

Grazie all’irraggiamento, con il riscaldamento a pavimento il calore viene diffuso uniformemente da terra fino al soffitto, evitando la formazione di correnti d’aria, trattenendolo all’interno degli ambienti evitando che si disperda verso l’esterno. Offrendo il vantaggio di una temperatura costante e uniforme e una sensazione di comfort diffusa.

Tra i vantaggi indubbiamente si parte dall’abbattimento della bolletta, ma va annoverato anche il risparmio di spazio nelle stanze grazie al fatto che viene collocato sotto il pavimento e non tra le pareri delle stanze. Ma anche il miglioramento del tasso di umidità e della qualità dell’aria.

Nel riscaldamento a pavimento elettrico invece viene fatta passare la corrente elettrica che riscalda la resistenza posta sotto ai pavimenti con un funzionamento simile a quello del piano di cottura elettrico.

La percentuale di risparmio dipende dai materiali e dalla loro posa, oltre che ovviamente dall’isolamento termico dell’edificio interessato, ma si può individuare dal 15% al 25% il risparmio medio che offre questo tipo di riscaldamento rispetto a quelli tradizionali.
News su Telegram o WhatsApp

Ultime Notizie