Novembre 27, 2022 00:12

Termostufe e termocamini, stufe e camini che fanno da caldaia


Si può riscaldare in modo efficiente ed ecologico tutta la casa, senza rinunciare alla facilità di gestione.

Termostufe e termocamini, infatti, sono impianti termici progettati per poter essere collegati all’impianto termoidraulico delle abitazioni per, mediante la combustione della legna o del pellet,
produrre acqua calda sanitaria e riscaldare i termosifoni in sostituzione alle caldaie tradizionali.

Possono riscaldare per irraggiamento o per convezione, ma funzionano come una caldaia. Grazie alla diffusione del calore per irraggiamento, o tramite il sistema di ventilazione, la termostufe e termocamini riscaldano e arreda, con la bellezza del fuoco, anche la stanza in cui sono installate. Avendo tra l’altro ambienti confortevoli senza sbalzi di temperatura.

Elettricità e gas, stop al mercato tutelato: le date

Differenza tra stufa e termostufa
La prima deve essere posizionata nel locale che si desidera riscaldare. La seconda, invece, ovunque perché non è scalda solo quel locale, ma anche l’acqua dell’impianto termoidraulico e, conseguentemente, l’intera casa.

Differenza tra camino e termocamino
Il termocamino, a differenza di quello tradizionale o inserto a legna, può essere policombustibile, permettendo l’utilizzo non solo della legna, ma anche, in alternativa, di combustibili granulari come ad esempio cippato, pellet o nocciolino. Anche il termocamino combinato riscalda non solo l’ambiente in cui viene collocato, ma, attraverso i termosifoni, può riscaldare tutta la casa, anche su diversi piani. Inoltre produce acqua calda sanitaria, potendo quindi sostituirsi o lavorare come fonte di calore abbinata ad una caldaia a metano, Gpl o gasolio.

Il nocciolino, l’alternativa al pellet economica e sostenibile

I termocamini necessitano della canna fumaria e di ambienti aerosi per essere installati e offrire rese ottimali. Inoltre, grazie all’isolamento termico interno dell’impianto e alla struttura in acciaio, l’acqua si mantiene calda a lungo dopo lo spegnimento, permettendone l’utilizzo per fabbisogni domestici.

Consumi
Il consumi del termocamino varia in base al combustibile utilizzato, alll’efficienza dell’impianto e al grado di coibentazione della casa, ma per dare un’idea durante la stagione più fredda per una casa di 100 metri quadri consuma ogni giorno 50 kg di legna o 30 kg di pellet.

Quando conviene acquistare il pellet

Accumulatori
Con le termostufe si possono comprare anche i puffer, che permettono di immagazzinare l’acqua calda prodotta in eccesso dalla stufa e rilasciarla nei radiatori quando necessario. Scaldando quindi i locali anche quando non è in funzione la stufa.

Incentivi
Esistono diverse detrazioni fiscali, più volte prorogate nel tempo: Irpef al 50% o al 65% oppure in un contributo diretto in caso di sostituzione, attraverso il conto termico. Inoltre il bonus stufe rientra nell’incentivo Superbonus 90%.

News su Telegram o WhatsApp

Ultime Notizie