Mobilità: il 64% degli italiani si sposta in auto, il 19% a piedi


La grande crisi degli spostamenti prodotta dalla pandemia è ormai alle spalle, anche se le abitudini non sembrano esattamente ancora le stesse pre-Covid. Secondo le stime dell’Osservatorio Audimob di ISFORT, Istituto Superiore di Formazione e Ricerca per i Trasporti, sono stati quasi 100 milioni gli spostamenti giornalieri nel primo semestre del 2022, considerando solo i giorni feriali, un volume molto vicino alla soglia pre-pandemica (-6% rispetto al 2019). Dal 2019 al primo semestre del 2022 gli spostamenti a piedi scendono al 19%, sotto la soglia pre-Covid. Gli spostamenti in bicicletta e con soluzioni di micromobilità, come i monopattini elettrici, incrementano invece il proprio peso (dal 3,3% del 2019 al 4,7% del primo semestre 2022). La contestuale crescita della moto (dal 2,6% del 2019 al 4,7% del 2022) conferma che la soluzione delle due ruote sta diventando un’opzione molto forte nelle scelte degli italiani. La quota dell’auto sale al 64%, un punto e mezzo in più del livello pre-Covid, riaffermando la sua posizione dominante. I mezzi di trasporto pubblico riconquistano pezzi di mercato, ma sono ancora lontani dai livelli pre-Covid (7,6% nel 2022 contro il 10,8% del 2019).
Fonte: ISFORT

News su Telegram o WhatsApp

Ultime Notizie