24 Febbraio 2024 18:11

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Intubare la canna fumaria: quando è necessario farlo

Condividi

Intubare canna fumaria – L’intervento di intubazione della canna fumaria è una procedura effettuata per ristrutturare e mettere a norma le vecchie canne fumarie, garantendo la sicurezza nell’uso.

Una canna fumaria obsoleta o non funzionante correttamente può causare vari problemi, come la diffusione di odori sgradevoli nelle stanze della casa.

L’intubazione può essere necessaria in caso di degrado della canna fumaria preesistente, causato dall’usura, dalla corrosione o da danni dovuti a eventi atmosferici o altri fattori esterni.

Canne fumarie sporche: quanti tetti in fiamme ogni anno?

Intubare la canna fumaria permette di ripristinare le sue funzioni e di aumentarne la durata nel tempo. Inoltre, se il sistema è stato realizzato prima del 2008, potrebbe non essere conforme alle normative attualmente in vigore. L’intubazione, quindi, diventa necessaria per adeguare l’impianto alle norme e renderlo sicuro.

L’intubazione consiste nell’inserimento di nuovi tubi all’interno della canna fumaria che diventano la nuova parete interna, migliorando le prestazioni del sistema e, di conseguenza, riducendo i rischi di malfunzionamenti e perdite di calore.

Le normative europee regolamentano il risanamento delle canne fumarie e determinano i materiali idonei per eseguire l’intervento, che vanno scelti in base al combustibile impiegato nell’impianto di riscaldamento.

Vecchi camini e stufe, le regole per le canne fumarie

Per essere conformi a tali norme, è indispensabile rispettare il requisito relativo all’altezza delle canne fumarie, che devono trovarsi a minimo 4 metri al di sopra del colmo del tetto e a 50 cm sopra il punto più elevato del tetto circostante.

News su Telegram o WhatsApp
Scarica la nostra APP Android

Condividi

Ultime Notizie