18 Aprile 2024 03:57

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Bonus chirurgia estetica 2024

Condividi

detrazioni fiscali meno conosciuteIl bonus fiscale per la chirurgia estetica permette di detrarre il 19% delle spese sostenute per interventi di chirurgia estetica, a condizione che siano eseguiti da medici qualificati in strutture sanitarie autorizzate. Questo bonus può essere applicato sia agli interventi di chirurgia estetica propriamente detti, come ad esempio il lifting o la liposuzione, sia a quelli di medicina estetica, come le iniezioni di botox o l’acido ialuronico.

Per poter accedere al bonus chirurgia estetica, è necessario che l’operazione sia eseguita in Italia e che non sia coperta da altre forme di assistenza sanitaria. Inoltre, le spese devono essere documentate con fatture o ricevute fiscali regolarmente emesse.

Tra le spese detraibili rientrano anche quelle per le visite pre e post operatorie e per i medicinali prescritti dal medico. Tuttavia, non sono detraibili le spese per interventi di chirurgia estetica eseguiti all’estero, né quelle per interventi non medici, come il tatuaggio o il piercing.

Similmente ad altre spese mediche e sanitarie, anche i costi della chirurgia estetica sono detraibili nella dichiarazione dei redditi. È possibile dedurre il 19% nel modello 730, con un limite di 129,11 euro, per procedure estetiche finalizzate alla diagnosi, al trattamento ospedaliero e alla cura di specifiche malattie.

Il cosiddetto Bonus per la chirurgia estetica può essere richiesto per tutti gli interventi estetici conclusi dopo il 17 dicembre 2023. Questa agevolazione è stata introdotta dal Decreto Anticipi, successivamente convertito in legge. A partire dal 2023, l’esenzione dall’IVA per gli interventi di chirurgia estetica è stata estesa anche alle procedure mirate alla diagnosi, al trattamento di malattie e alla risoluzione di problemi di salute fisica e psicologica.

Il Bonus per la chirurgia estetica, incluso l’esenzione dall’IVA, è riservato esclusivamente a coloro che dispongono di un certificato medico appropriato. È compito del medico dimostrare l’esenzione dall’IVA per i servizi di chirurgia estetica. Al momento del pagamento, il medico deve ottenere il consenso del paziente per utilizzare la documentazione medica per scopi fiscali.

Per poter accedere a questo beneficio, quindi, è necessario rispettare determinate condizioni e fare attenzione a documentare correttamente tutte le spese.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile