Ottobre 1, 2022 20:55

Gli autovelox sulle strade del Bernina e del Maloja

autovelox bernina maloja La primavera è cominciata e la Svizzera è una delle mete preferite anche dei turisti che vengono o passano dalla Valtellina.
Ma con la voglia di ammirare la bellezza dei paesaggi elvetici torna l’incubo degli autovelox. La proverbiale serietà della Confederazione si esprime anche nell’assenza di pietà nei confronti di coloro che non rispettano il codice della strada e, in particolare, i limiti di velocità.
Le velocità massime consentite sono spesso inferiori a quelle italiane. Nelle autostrade vige generalmente il limite di 120 chilometri all’ora, sulle semi autostrade di 100. Si scende a 80 chilometri orari al di fuori dai centri abitati e a 60 e 50 nei paesi. Ma ci sono anche zone dove si può circolare soltanto a 30 all’ora: in alcune vie di S. Moritz, Silvaplana e Pontresina e Poschiavo per restare nei pressi del confine italiano.
Si rischia il carcere a non pagare una multa in Svizzera

I cartelli non mancano e solitamente sono ben visibili, ma i casi di italiani multati sono numerosi dalla Bregaglia alla Valposchiavo, senza dimenticare il Ticino, dove gli apparecchi per il rilevamento della velocità sono diffusi in vari punti delle cantonali e delle autostrade. I radar sono fissi (e invisibili) oppure mobili e vengono spostati di volta in volta sui tratti da monitorare.

Ultime Notizie