13 Aprile 2024 11:26

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Ruderi o terreni abbandonati come diventarne proprietari

Condividi

Ruderi terreni abbandonati come diventarne proprietariRuderi terreni abbandonati come diventarne proprietari

In Italia si può diventare proprietari di terreni e ruderi abbandonati. La legge prevede infatti differenti strade che consentono di entrare in possesso di beni non più curati dai proprietari originari e che versano in stato di abbandono.

USUCAPIONE – A partire dal diritto di usucapione, una possibilità che la legge dice essere “un modo di acquisto della proprietà di una cosa o di altro diritto reale di godimento sulla cosa, mediante il possesso di questa per un periodo di tempo stabilito dalla legge; in particolare, usucapione abbreviata, quella che si verifica in un periodo di tempo ridotto, a favore di chi acquista in buona fede un immobile da chi non ne sia proprietario”.

DIVENTARE PROPRIETARI – Ciò significa che si può diventare proprietari per usucapione di beni abbandonati che utilizziamo o dei quali ci prendiamo cura in modo continuativo, trascorsi i termini stabiliti dalla legge, ma solo in assenza di interruzione da parte del proprietario originario (possesso continuato, incontestato e con l’animus del proprietario). Passato il tempo necessario ci si deve rivolgere al giudice richiedendo una sentenza che trasferisca la proprietà, successivamente iscritta e riportata nei registri immobiliari pubblici.

USUCAPIONE DI BENI IMMOBILI

Terreni abbandonati come diventarne proprietari

TEMPI – I tempi richiesti dalla legge e necessari per diventare proprietari in questo modo variano in base al tipo di usucapione: ordinaria, abbreviata e speciale, quest’ultima che si applica alla piccola proprietà rurale.

ORDINARIA – Per l’ordinaria è necessario un possesso continuato di 20 anni per i beni immobili e le universalità di mobili, per i beni mobili registrati 10 anni.

ABBREVIATA – Quella abbreviata richiede anche la buona fede, un titolo valido e idoneo al trasferimento della proprietà e la trascrizione del titolo (il tempo necessario per usucapire decorre dalla trascrizione), prevede una durata del possesso di 10 anni per i beni immobili e le universalità di mobili, per i beni mobili registrati 3 anni.

AGRICOLI – Nel caso in cui è un coltivatore diretto che possiede la proprietà del terreno confinante con quello abbandonato lo stesso beneficia e può godere del diritto di prelazione. Beneficio del quale possono godere gli agricoltori anche nel caso venga venduto un terreno confinante, ma già adibito a campo.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile