Poche speranze di rivedere il Motoraduno dello Stelvio

Dove non sono arrivati i problemi organizzativi  quasi certamente ci ha pensato la pandemia nel dare il colpo di grazia al Motoraduno dello Stelvio. Del resto l’ultima edizione è datata 2018 e anche nel 2020, prima che arrivasse il maledetto Covid-19, il Moto Club Stelvio International non aveva più fatto trapelare novità su un evento che ha richiamato per anni migliaia di appassionati in Alta Valtellina.
Pensare che nel 2022 o 2023 esista la  possibilità che qualcuno abbia voglia di organizzare in pochi mesi un evento che veniva imbastito in un anno, è pura utopia.
Comunque le speranze dei partecipanti nel rivedere in agenda, a partire dal 2023, il Motoraduno dello Stelvio sono flebili. I motivi che hanno fermato una storia (di successo) non erano semplici da risolvere e tantomeno vedevano all’orizzonte chissà quali forze ed energie pronte a impegnarsi in tal senso.
Basta tornare alle comunicazione ufficiali del 2019 quando il Moto Club Stelvio International decise di annullare l’edizione 2019. “Negli ultimi raduni con le restrizioni che ci sono state a livello italiano a seguito dei fatti avvenuti a Torino in piazza durante la finale di Champions League non si è più potuto garantire ai partecipanti alcune cose a cui loro tengono parecchio come ad esempio la parata delle luci. I malumori si sono poi concretizzati con un calo delle presenze e con meno soddisfazione per coloro che comunque sceglievano di esser presenti“.
In quella occasione si parlava anche di ricerca di “persone volessero continuare l’organizzazione” e qualche commento del Moto Club sulla pagina Facebook della manifestazione, che parlava “volontà della gente e possibilità di poter rifare certe cose” per non “rischiare di aver poche persone con spese non indifferenti”.


Ultime Notizie