Nessun nuovo divieto al traffico su strade forestali e silvo-pastorali

Condividi

Su alcuni organi di informazione è stata data notizia di un Decreto ministeriale che parrebbe chiudere le strade forestali e silvo-pastorali a qualsiasi tipo di traffico, motorizzato e non.
Il Decreto ministeriale prevede che le strade forestali e silvo-pastorali non siano soggette al Codice della Strada e dispone che le Regioni regolamentino il transito. Sono le Regioni infatti, alle quali la Costituzione assegna la competenza in materia di agricoltura e foreste, a disciplinare le modalità di utilizzo, gestione e fruizione, tenendo conto delle necessità correlate all’attività di gestione silvo-pastorale e alla tutela ambientale e paesaggistica.
Regione Lombardia già disciplina da anni le modalità di utilizzo, gestione e fruizione della viabilità forestale e silvo-pastorale in base all’articolo 59 della legge regionale 31/2008 e la normativa attuale non prevede un divieto assoluto al traffico motorizzato. Di conseguenza, non sono previste modifiche per quanto riguarda il territorio lombardo.
In particolare la legge lombarda prevede che il transito sulle strade agro-silvo-pastorali sia disciplinato da regolamenti comunali. Su queste infrastrutture è vietato il transito dei mezzi motorizzati, ad eccezione di quelli di servizio e di quelli autorizzati in base al regolamento comunale. È invece consentito il transito di mezzi non motorizzati, come le biciclette e le slitte.


Ultime notizie