18 Aprile 2024 06:31

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Falciare i prati in montagna contribuisce a tanto

Condividi


Bisogna mantenere falciati i prati, pensiamo all’enorme lavoro fatto anticamente per realizzarli quando erano boschi e terreni pieni di pietre.

Visto il continuo abbandono si dovrebbero organizzare delle squadre di volontari falciatori alle quali chi non è più in grado di falciare il prato lo affida stagionalmente per la falciatura, in modo da salvaguardare ambiente e paesaggio, oltre a produrre il più adatto alimento per gli animali. Il fieno poi può essere venduto e il ricavato potrebbe essere fonte di reddito anche per disoccupati.

Falciare i prati montani renderebbe solo 3/4 euro l’ora, ma è uno svago sano e divertente che tiene in salute senza costi. Il continuo abbandono dei prati aumenta il rischio di incendi non essendoci più radure tagliafuoco anche vicino alle case.

Contributi alla qualità del paesaggio: la compensazione ecologica svizzera

Si dovrebbero organizzare dei gruppi che si occupino di mantenere falciati i prati. Dove il prato è meno scosceso naturalmente si può usare la falciatrice.

Se non si tagliano i prati si creano pericoli per gli incendi a ridosso delle case. In alternativa allo sfalcio i prati si possono pascolare, bisogna intervenire subito, perché se cresce il bosco poi è difficile e costoso intervenire.
Fonte: Ruralpini.it

News su Telegram o WhatsApp
Scarica la nostra APP Android

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile