Quanto consumano le luci di Natale?


Oggi, con il caro bollette, non ci si può più permettere di addobbare casa nel periodo natalizio con le vecchie luci a incandescenza, che avevano e hanno per chi non le ha ancora sostituite (come sempre si tirano fuori dalle scatole anno per anno senza pensarci troppo finché non si fulminano…) un consumo enormemente maggiore rispetto ai nuovi modelli con tecnologia LED.
Un dato: tre metri di fili luminosi con lampadine a incandescenza accesi un giorno interno costano in bolletta da 3 a 4 euro.
Le luci a LED non solo consumano meno, riducono l’impatto sull’ambiente e hanno anche il vantaggio di essere più sicure. Costano qualcosina in più rispetto alle luci ad incandescenza ma consentono fino al 90% di risparmio energetico. Una luminaria natalizia ad uso domestico assorbe normalmente da 4 a 6 Watt di elettricità.
Inoltre le luci a LED presentano anche altri vantaggi: dalla durata molto superiore rispetto a quelle a incandescenza al fatto che si possono attaccare più luminarie nella stessa presa dato il loro ridotto assorbimento energetico. Ma non solo, in commercio è disponibile un’enorme gamma di colori e forme che consentono di creare effetti sempre unici e, fondamentale, non producono calore riducendo il pericolo d’incendio rispetto ad alcuni anni fa quando si usavano le lampadine di vecchio tipo.
Sempre consigliabile però accenderle solo quando si è in casa, spegnendole quando ci si assenta per lunghi periodi, anche se l’ottimale è acquistare luci a LED che possiedono il sistema a timer e consentono di programmare orario di accensione e spegnimento.

News su Telegram o WhatsApp

Ultime Notizie