21 Maggio 2024 14:22

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

La mortalità evitabile e da tumore in Valtellina

Condividi

mortalità in ValtellinaL’Atlante delle morti evitabili in Italia, pubblicato dal Centro di ricerca Nebo, rivela dati preoccupanti per la provincia di Sondrio. Questo report, focalizzandosi sul biennio 2020-2021, getta luce su un problema di salute pubblica significativo, confrontando i risultati con il periodo precedente del 2017-2019 e analizzando le disparità tra le diverse province italiane.

Definizione di Mortalità Evitabile

Prima di procedere, è fondamentale comprendere cosa si intende per mortalità evitabile. Questo indicatore si divide in due categorie principali:

  1. Mortalità prevenibile: Cause di morte evitabili attraverso interventi di sanità pubblica e prevenzione primaria, che mirano a ridurre l’incidenza di malattie e cause esterne come traumatismi e avvelenamenti.
  2. Mortalità trattabile: Cause di morte che possono essere evitate attraverso interventi sanitari di prevenzione secondaria e trattamento tempestivi, che mirano a ridurre la mortalità dopo l’insorgenza della malattia.

Queste metriche valutano l’efficacia e l’efficienza di un sistema sanitario, evidenziando come una bassa mortalità evitabile sia indicativa di un sistema sanitario più efficiente.

Situazione a Sondrio

Analizzando i dati specifici per la provincia di Sondrio, emerge un quadro meno ottimistico rispetto a province vicine come Lecco e Como. Per il genere maschile, Sondrio si posiziona all’88° posto su 107 province italiane con un tasso di 22,5, mostrando un miglioramento rispetto al biennio 2017-2019 dove era al 104° posto, ma ancora lontano dall’ideale. Per il genere femminile, la situazione è simile, con un peggioramento dal 71° al 90° posto.

Confronti e Considerazioni

Nonostante la posizione geografica montana di Sondrio, altri territori montani come Bolzano e Trento dimostrano che questo non è necessariamente un fattore negativo per la mortalità evitabile. A Bolzano, la mortalità evitabile nel genere femminile è molto bassa, posizionandosi al 6° posto, mentre Trento si trova addirittura al primo posto per il genere maschile. Questi dati suggeriscono che ci sono altre variabili, come l’efficacia degli interventi di sanità pubblica e l’accesso alle cure mediche, che giocano un ruolo cruciale.

CRISI DELLA SANITÀ LOMBARDA: TRA ECCELLENZE E DIFFICOLTÀ CRESCENTI

Riflessioni Future

È evidente che la provincia di Sondrio deve affrontare sfide significative per ridurre la sua mortalità evitabile. Questo richiede un’analisi approfondita delle politiche sanitarie attuali e forse una rivisitazione degli approcci alla prevenzione e al trattamento delle malattie. È fondamentale che i responsabili politici e i professionisti del settore sanitario collaborino per sviluppare strategie più efficaci, garantendo che i cittadini di Sondrio ricevano un livello di assistenza sanitaria paragonabile a quello delle province più performanti in Italia.

NECROLOGI VALTELLINA

Analisi del tasso di mortalità da tumore a Sondrio: un campanello d’allarme

Sondrio, la tranquilla provincia lombarda nota per i suoi panorami montani mozzafiato, si trova in una posizione preoccupante in una classifica che nessuno vorrebbe guidare. Secondo uno studio recentemente pubblicato dalla prestigiosa rivista “Science of the Total Environment”, Sondrio si classifica al quinto posto tra le 107 province italiane per il tasso di mortalità da tumore, misurato nel decennio 2009-2018. Questo dato emerge da una ricerca approfondita condotta da un team di esperti dell’Università di Bologna, dell’Università di Bari e del Consiglio Nazionale delle Ricerche.

Dettagli e numeri preoccupanti

Durante il decennio in questione, Sondrio ha registrato 6.094 decessi per tumore su circa 178.208 abitanti, con una media di 609 morti all’anno. Il picco massimo di decessi si è verificato nel 2014 con 651 morti, mentre il minimo è stato nel 2012 con 570. Da notare una tendenza all’incremento dei decessi dal 2014 in poi, evidenziando un tasso di mortalità standardizzato del 113%, ovvero superiore del 13% rispetto alla media nazionale.

La correlazione con l’inquinamento ambientale

Lo studio non si limita a raccogliere dati di mortalità; mira anche a esplorare l’influenza di vari fattori ambientali sulla salute. Dodici parametri ambientali sono stati analizzati, tra cui la presenza di discariche, centrali energetiche, industrie chimiche, e l’uso di erbicidi. Questi elementi contribuiscono significativamente all’inquinamento dell’aria, del suolo e dell’acqua, potenzialmente aumentando il rischio di malattie croniche come il cancro.

La situazione ambientale di Sondrio

Nonostante l’elevata mortalità da tumore, Sondrio si posiziona meglio rispetto ad altri parametri di inquinamento. Per esempio, è 106ª per aree coltivate, 103ª per siti da bonificare, e 99ª per chilometri di strade. Tuttavia, rimane critica la qualità dell’aria, in cui Sondrio è 20ª. Questo posizionamento evidenzia come l’inquinamento atmosferico non conosca confini geografici e come la conformazione della valle possa trattenere gli inquinanti, aggravando la situazione.

Riflessioni future

Questi dati sono un campanello d’allarme per la salute pubblica e richiedono una risposta coordinata delle autorità sanitarie e ambientali. È fondamentale implementare politiche più rigide per la gestione dell’inquinamento e promuovere stili di vita più sani per mitigare il rischio di malattie gravi come il cancro. La comunità di Sondrio, insieme agli enti locali e nazionali, deve considerare questi dati non solo come statistiche, ma come storie di vite umane che potrebbero essere salvate attraverso azioni concrete e tempestive.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile