13 Aprile 2024 14:51

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Escursione al Monte Palino

Condividi

Il Monte Palino si trova sullo spartiacque che separa la Val di Togno dalla Valmalenco; verso ponente c’è il Monte Foppa e a levante, nell’ordine, Monte Cavaglia, Monte Acquanera e Pizzo Scalino.

Giro tra gli alpeggi della Valmalenco

Si lascia l’auto a Santa Elisabetta, frazione di Caspoggio, e si imbocca la VASP che sale a Prabello, per poi passare dalla Chiesa di Sant’Antonio, punto di arrivo della seggiovia che partiva da Caspoggio e continuare fino alla contrada di Pianaccio.

Pur essendoci alcuni sentieri è meglio continuare sulla VASP che passa nei pressi di Pra Mosin e poi termina a Piazzo Cavalli, punto d’arrivo dell’altra seggiovia (che parte da Sant’Antonio, non operativa).

Ora si continua sulla strada che sale sulla pista di sci; superata quota 1.750 m c’è un sentiero poco curato, quindi è meglio continuare sulla pista fino a Dosso dei Galli. In prossimità della vecchia stazione d’arrivo dello skilift si prende il sentiero che sale ai 2.280 m del Bivacco Sufrina e poi all’omonima croce (2.382 m).

Poco prima della croce parte una lieve traccia in direzione S-S-E che va verso il Monte Palino. Più avanti ci si affida ad alcuni rari segnavia sbiaditi e ad una serie di ometti che indicano la direzione in mezzo a una grande pietraia e grossi massi.

Superata quota 2.550 m la salita si fa più impegnativa, messa in sicurezza con una catena e una scala di ferro e poi, tenendosi leggermente a destra, con una lunga fune d’acciaio.

Al termine di questo passaggio (è bene memorizzare per il ritorno questo punto) si risale l’ultimo tratto che porta alla cima e alla sua croce in sasso.

Bellissimi i panorami sulla Val di Togno e Valmalenco, le vette orobiche e il gruppo del Bernina. Il ritorno avviene sullo stesso itinerario dell’andata.

Percorso (EE) di 15 chilometri, dislivello positivo 1.480 metri, rare fontane.
Giorgio Gemmi

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile