1 Ottobre 2023 01:02

Le monete da 200 lire diventate rare e preziose

Condividi

Monete 200 lire rare – Esistono versioni della moneta da 200 lire poco presenti sul mercato che hanno acquisito un alto valore numismatico. Alcune sue versioni sono diventare rare e hanno acquisito un grosso valore se vendute in un negozio di numismatica o ad un collezionista, anche attraverso le aste online.

200 LIRE PROVA 1977 – Nel 1977 vennero coniati 1500 esemplari di una versione di prova di della moneta da 200 lire, che ne ha decreto un alto valore di mercato, essendo una delle monete oggi più rare in circolazione. Su una facciata è rappresentata una testa di donna, mentre nel rovescio la dicitura 200 lire inserita all’interno di un ingranaggio e una quasi impercettibile scritta “prova” stampata in orizzontale vicino al bordo destro sotto la scritta “200 lire”. Sul mercato può arrivare a valere, in fior di conio, fino a 1.000 euro a pezzo.

GRADI DI CONSERVAZIONE E VALORE DELLE MONETE

200 LIRE MEZZALUNA 1978 – Nel 1978 ci sono stati due casi di rottura del conio nello stesso punto, che hanno prodotto due tipi di 200 lire “mezzaluna” con lo stesso valore. Una moneta da 200 lire del 1978 con la mezzaluna di qualità BB ha già un valore di 60 euro, che sale a 110 euro se in SPL e a 200 euro per le monete in FDC.

200 LIRE TESTA PELATA 1979 – Nella versione del 1979 venne fatto un errore di conio sulla moneta, che ne ha fatto lievitare il valore, per cui la donna raffigurata nel fronte aveva la testa pelata nella parte superiore. La moneta da 200 lire del 1979 “testa Pelata” è in grado di raggiungere valori elevati nel mercato numismatico, soprattutto in qualità FDC, ma il suo valore reale è intorno ai 150 euro, 90 euro per le moneta senza firma dell’incisore.

DOVE SI VENDONO MONETE E BANCONOTE RARE

200 LIRE 1996 – Tra le monete da 200 lire più ambite dai collezionisti va annoverata quella del 1996 e dedicata al centenario della Guardia di Finanza, coniata per l’anniversario dei 100 anni dalla fondazione dell’Accademia della Guardia di Finanza (1896).

Monete 200 lire rare – La moneta presenta un contorno rigato: sul dritto si trovano due sezioni separate da un nastro sul quale è scritto in stampatello maiuscolo Repubblica Italiana”. Nella parte inferiore della moneta è stata raffigurata la Reggia di Caserta, prima sede dell’Accademia Guardia di Finanza, mentre l’attuale sede di Bergamo si trova nella parte superiore. In fior di conio vale 10 euro, ma nelle aste online si trova anche a 400 euro.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie