19 Giugno 2024 19:16

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Le monete da 100 lire rare e preziose

Condividi

Le vecchie, e per molti care, Lire nascondo dei tesori nascosti nelle case degli inconsapevoli italiani. Nel 2002 l’euro ha soppiantato la lira italiana, che ha quindi ha cessato il suo corso legale. Creando nel contempo il mercato dei collezionisti, alla ricerca dei pezzi più rari o ancora meglio unici.

MONETE RARE – In particolare alcune vecchie monete di lire della Repubblica Italiana hanno raggiunto nel tempo un valore notevole. La domanda per monete e banconote rare dipende comunque dal mercato e varia nel tempo, quindi per conoscerne il valore esatto si raccomanda sempre di farla valutare da professionisti del settore.

100 LIRE – Tra queste va sicuramente annoverata la moneta da 100 lire nella versione Minerva, che è stata emessa nel 1950 e ha circolato fino al 2001. Sulla facciata anteriore presenta una raffigurazione di Minerva, mentre sullo sfondo c’è una stella a cinque punte, sotto la raffigurazione di Minerva ci sono le iscrizioni “REPVBBLICA ITALIANA” e “100 LIRE”. Sul retro c’è un’immagine di un’aquila che rappresenta la Repubblica.

Le monete sono state coniate in diverse varianti nel corso del tempo, ma la raffigurazione di Minerva sulla faccia anteriore è rimasta costante in ogni versione. Alcune possono avere un valore collezionistico più alto perché a taratura limitata e rare, quindi ricercate dai collezionisti.

1955 – La versione del 1955, se ben conservata, vale una fortuna. Se da un lato della moneta è raffigurata la dea Minerva mentre dall’altro lato una testa femminile con una corona di alloro, l’esemplare nel mercato collezionistico vale da 800 a 1.300 euro.

1956 – Tre le annate di conio nelle quali la moneta da 100 lire Minerva ha acquisito valore nel mercato numismatico, anche se non altissimo a causa dell’alta tiratura, la moneta realizzata nel 1956 che vale, in fior di conio, sui 100 euro cadauno.

DOVE SI VENDONO MONETE E BANCONOTE RARE

1957 – Anche le monete da 100 lire Minerva coniate nel 1957 hanno un discreto valore numismatico, in quanto, pur se più recente rispetto al conio del 1956, vennero prodotte con una tiratura minore per cui, in ottima qualità riescono ad arrivare ad ottenere un valore numismatico di 250 euro.

1958 – La versione del 1958 è stata prodotta con tiratura inferiore rispetto a quelle precedenti per cui è più rara ed ha acquisito un maggiore valore numismatico che, in ottimo stato di conservazione, arriva fino a 700 euro.

1959 1960 1961 – Oltre all’annata 1958, e soprattutto 1955, le altre annate nelle quali la moneta da 100 lire Minerva ha acquisito valore nel mercato numismatico sono il 1959, il 1960 e il 1961 per cui una moneta ben conservata e, meglio in fior di conio, vale tra 500 e 650 euro.

GRADI DI CONSERVAZIONE E VALORE DELLE MONETE

1962 1963 –Altre annate nelle quali la moneta da 100 lire Minerva ha acquisito valore nel mercato numismatico sono anche le monete coniate nel 1962 e nel 1963, che hanno raggiunto un discreto valore numismatico, che oggi raggiunge i 150 euro.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile