21 Giugno 2024 00:25

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Miti alcol da sfatare: la birra è migliore del vino?

Condividi

miti alcol da sfatare Miti alcol da sfatare

Le bevande alcoliche non possono essere distinte in “pesanti” o “leggere”. Mentre i superalcolici hanno un titolo alcolimetrico più elevato rispetto alla maggior parte dei vini e delle birre, non è possibile classificare le bevande alcoliche in base al loro contenuto alcolico. La birra, il vino, i distillati e i cocktail contengono tutti lo stesso tipo di alcol, l’etanolo, che è responsabile degli effetti che si avvertono indipendentemente dalla bevanda consumata.

LE ORIGINI DELLA VITICOLTURA VALTELLINESE

Non tutti i paesi adottano la stessa unità standard per assicurare che le porzioni di birra, vino e liquori siano uguali: questo è falso. Non esiste una misura standard per le bevande alcoliche a livello globale. Ad esempio, in Italia un’unità alcolica equivale a dodici grammi di etanolo, ma in altri paesi ci sono definizioni diverse e alcune unità hanno fino a 14 grammi di etanolo. Tuttavia, all’interno di ogni paese, una porzione “standard” di birra, vino o superalcolici è definita in modo uniforme. In pratica, le bevande alcoliche non vengono sempre servite in misure standard, ma il concetto di unità alcolica standard è comunque importante.

Non è vero che gli effetti dell’alcol variano a seconda della bevanda che si sceglie tra birra, vino o superalcolici. Tutte queste bevande contengono etanolo, lo stesso tipo di alcol che ha lo stesso impatto sul corpo indipendentemente dalla scelta. Ciò che conta è la quantità di etanolo assunto e la velocità di assunzione. Maggiore è il contenuto alcolico della bevanda (ABV), minore sarà la quantità servita. L’effetto è determinato da quanto si beve, non dal prodotto.

AL MIO SEGNALE STAPPATE L’INFERNO

Miti alcol da sfatare: la birra è migliore del vino?

Non è vero che mescolare birra, vino e superalcolici porta ad ubriacarsi più rapidamente. L’alcol è alcol, indipendentemente dalla bevanda che lo contiene. L’effetto dipende dalla quantità di alcol consumata, non dal tipo di bevanda.

Non è vero che uomini e donne con la stessa corporatura possono bere la stessa quantità di alcol. Il fegato ha bisogno dell’enzima chiamato alcol deidrogenasi o adh per elaborare l’alcol. Tuttavia, le donne hanno livelli inferiori di questo enzima nel loro corpo. Di conseguenza, se bevono la stessa quantità di alcol degli uomini, possono sentirne di più gli effetti.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile