17 Maggio 2024 15:56

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Fotovoltaico, cosa sostituisce lo scambio sul posto?

Condividi

cosa sostituisce lo scambio sul posto

L’Attuale Sistema dello Scambio Sul Posto e il Ritiro Dedicato

Lo Scambio sul Posto (SSP) ha rappresentato fino ad oggi una delle soluzioni più comuni per i produttori di energia da fonti rinnovabili che desiderano ottimizzare il consumo e la vendita dell’energia elettrica prodotta. Attraverso l’SSP, l’energia non consumata immediatamente viene immessa nella rete elettrica e compensata in bolletta sotto forma di uno sconto proporzionale all’energia immessa. Questo sistema ha incentivato molti consumatori, soprattutto domestici e piccole imprese, a investire in tecnologie come il fotovoltaico.

Parallelamente, il Ritiro Dedicato (RiD) è un’opzione attraverso la quale il produttore può vendere l’energia non autoconsumata direttamente al Gestore dei Servizi Energetici (GSE). Il GSE acquista questa energia a un prezzo definito, che generalmente rispecchia la media dei prezzi di mercato, offrendo così una certa stabilità e prevedibilità di guadagno per i produttori.

Tuttavia, questo scenario è destinato a cambiare. Con il progressivo esaurirsi degli incentivi previsti per l’SSP e l’evolversi delle politiche energetiche, il sistema è in fase di revisione. L’obiettivo è di adeguare il quadro normativo e incentivante all’attuale panorama energetico e tecnologico, che vede un crescente interesse verso la sostenibilità e l’indipendenza energetica.

I FALSI MITI SUI PANNELLI FOTOVOLTAICI 

La Transizione Verso le Comunità dell’Energia Rinnovabile

La soluzione che sta emergendo con forza nel panorama energetico è rappresentata dalle Comunità dell’Energia Rinnovabile. Queste comunità permettono ai membri di produrre, consumare, immagazzinare e vendere energia rinnovabile all’interno di un network locale, promuovendo l’autosufficienza e la resilienza energetica delle aree coinvolte.

La transizione verso queste comunità è incentivata da nuove normative europee e nazionali che vedono nella decentralizzazione energetica un passo fondamentale verso la decarbonizzazione. Le comunità dell’energia possono beneficiare di regimi fiscali vantaggiosi, supporto tecnico e accesso facilitato a finanziamenti dedicati, creando un ambiente fertile per l’innovazione e la cooperazione locale.

Questa evoluzione rappresenta non solo un cambiamento tecnico, ma anche culturale. L’idea di fondo è che la gestione dell’energia debba essere più democratica e partecipativa, permettendo ai cittadini di avere un ruolo attivo nella transizione energetica. Attraverso queste comunità, l’energia non è solo un bene da consumare, ma diventa un elemento centrale nella vita comunitaria, con benefici che vanno oltre il mero risparmio economico.

Futuro Energetico Sostenibile

L’abbandono graduale dell’SSP a favore di sistemi più integrati e comunitari come le Comunità dell’Energia Rinnovabile segna un passo significativo nella transizione energetica. Questi cambiamenti riflettono una maggiore consapevolezza ambientale e una volontà politica di spostare il paradigma energetico verso soluzioni più sostenibili e inclusive.

Il cammino è ancora lungo e ricco di sfide, ma le direzioni prese finora mostrano una chiara volontà di adattarsi a un mondo in rapida evoluzione, dove l’energia pulita e la partecipazione comunitaria diventano pilastri fondamentali della società del futuro.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile