Settembre 28, 2022 15:24

15 agosto: la notte dei falò in Valtellina

impianti biomassa regole Il 15 di agosto è la festa dei falò
Il giorno di ferragosto si accendono i falò sui monti. Questa tradizione di accendere  i falò sui monti valtellinesi risale ai tempi delle leggenda del ballo delle streghe cioè “il sabba dell’acqua di Cofana”, località  nel Terziere Inferiore di Morbegno dove si davano appuntamento “li strìi“ della zona che lì convenivano attirate dalle luce dei falò. Le convenute, dopo essersi esibite in danze, si dissetavano nelle acque della Cofana in attesa del diavolo  loro signore. L’accensione di molti falò  aveva lo scopo di confondere le streghe in modo di disorientarle per far loro mancare così l’appuntamento.
Questa antichissima e bella tradizione vive ancora nei cuori della gente di montagna. Basta alzare lo sguardo nella notte del 15 agosto sui monti del tiranese; un’alpe chiama l’altra con il falò.
Ma ciò che più mi ha commosso e che non posso tacere è la telefonata che oggi 14 agosto, l’Amico poeta e scrittore dialettale Cici Bonazzi mi ha fatto. Mi ha detto “rammenta a tutti che domani è la sera dei falò sui monti del tiranese e non solo, ma anche nell’intera Valtellina;  per favore, fai qualche foto e mandamela come ricordo”.
Mi sono commosso poiché, Cici , classe 1931 è emigrato in Australia nel 1954, vive tutt’ora a Canberra ma non  ha dimenticato questa bella tradizione, anzi ci suggerisce, semmai, di rinvigorirla  poiché quei fuochi ricordano il “calore, la luce  delle nostre radici “. Quindi alle prime ombre della notte chi è in valle alzi lo sguardo per vedere i fuochi tra le nostre verdi montagne e chi è sui monti danzi intorno ai fuochi con l’augurio che il nostro territorio, le nostre Valli possano sempre essere luoghi magici di Vita e di rispetto della natura, così nessuna strega troverà il Diavolo che tante volte ci fa abbandonare  i nostri “ maggenghi “ per altre mete.
Ezio Maifrè


Ultime Notizie