Arrestato per spaccio di eroina vicino al parco Adda Mallero

Condividi

Nel corso degli ultimi giorni sono stati incrementati i servizi di prevenzione e controllo della Polizia di Stato in relazione al termine dell’anno scolastico ed alla maggiore presenza di persone, in particolare giovani, in luoghi ed esercizi pubblici destinati all’aggregazione ed alla socialità. Durante i controlli sono state effettuate estese attività preventive finalizzate ad evitare la commissione di atti illeciti o condotte illegali.
Nel corso dell’attività sono state controllate centinaia di persone ed effettuate mirate azioni repressive di reati che si sono sostanziate nell’arresto di un cittadino nigeriano, S.K. del 95, lo stesso è stato sorpreso, da personale della Polizia di Stato, nei pressi della pista ciclopedonale che conduce al Parco Adda Mallero mentre cedeva della sostanza stupefacente del tipo eroina ad un cittadino italiano. Immediatamente fermato il cittadino straniero è stato trovato in possesso di ulteriore sostanza stupefacente, tipo hascisc, ed una somma di denaro, circa 400 euro di cui non è riuscito a dimostrare la legittima provenienza. Sia lo stupefacente che il denaro sono stati sequestrati per i successivi accertamenti. L’Autorità Giudiziaria ha convalidato l’arresto dell’uomo ed ha disposto la custodia cautelare in carcere.
Sempre nell’ambito di suddetti controlli, presso la Discoteca Mega Show, ove era prevista una serata dedicata agli studenti, operatori della polizia di Stato hanno notato due persone uscire dal locale che, alla vista della pattuglia, sono velocemente saliti su un’autovettura partita immediatamente dopo. Il mezzo veniva fermato dopo pochi chilometri in località Colorina con il controllo degli occupanti. Uno di loro L.M. nato a Sondrio nel 1997 è risultato destinatario di una misura di Divieto di accesso ai Locali Pubblici in determinati orari, c.d. Daspo Willy, in quanto resosi responsabile di atteggiamenti violenti in locali pubblici o aperti al pubblico nel passato. La violazione del Divieto gli è costata una denuncia all’Autorità Giudiziaria e rischia l’arresto da 6 mesi a 2 anni ed una multa da 8000 a 20.000 euro. L’altro giovane, L.A. nato a Sondrio nato nel 1995 è risultato positivo al controllo con etilometro con valori superiori al consentito con segnalazione all’Autorità Giudiziaria e sanzione pecuniaria.


Ultime notizie