Risparmio energetico del termocamino a legna


Il calore di un camino riscalda solamente il locale in cui è installato, ma essendo concepito per riscaldare per irraggiamento (una minima parte del calore prodotto) disperde tutto l’altro calore generato. Di conseguenza il camino tradizionale non può essere un sistema di riscaldamento domestico efficiente. Al contrario un termocamino è in grado di sfruttare totalmente l’energia che viene generata dalle fiamme, recuperando il calore contenuto nei fumi e riuscendo a diffondere il calore in tutta l’abitazione. Producendo inoltre acqua calda sanitaria, il tutto con una minima dispersione di calore all’interno della canna fumaria.

Se parliamo di consumi energetici un camino tradizionale riesce a recupera dal 20% al 30% del calore che è contenuto nella legna bruciata, mentre tutto il resto del calore finisce inevitabilmente ad essere disperso dalla canna fumaria. Nei termocamini di ultima generazione, invece, si recupera tranquillamente a recuperarne tra l’80% e quasi il 90%, con dispersioni bassissime nella canna fumaria. Di conseguenza il riscaldamento con questo apparecchio finisce per costare un quarto rispetto ad usare sistemi a pellet e un quinto a gas.

News su Telegram o WhatsApp

Ultime Notizie