Riscaldamento in casa, i 3 errori comuni da non commettere


Il caro bollette si combatte anche usando il riscaldamento domestico in modo virtuoso evitando quelli che sono gli errori più comuni che causano bollette salate.

Una temperatura troppo alta in casa è sempre la prima causa di bollette eccessivamente care, oltre al fatto che un eccessivo utilizzo del riscaldamento domestico può provocare fastidi respiratori. Oltre a tenere costante nelle abitazioni la temperatura consigliata, normalmente 20 gradi, si possono usare le valvole termostatiche al fine di personalizzarla per stanze: di solito più alta in bagno e più bassa in cucina.

Il secondo errore da evitare è lasciare i termosifoni spenti del tutto per troppo tempo. In caso di assenza prolungata se si tiene il riscaldamento spento sarà poi necessario un grosso dispendio di combustibile per riportare la temperatura al livello standard.

Ma il terzo errore più comune che viene commesso in casa quando si parla di riscaldamento è anche il più inconsapevole, e cioè posizionare mobili o tende davanti ai radiatori che finiscono per ostacolare se non addirittura bloccare la diffusione del calore. Si disperde energia inutilmente anche se si vuole asciugare la biancheria usando i termosifoni o facendo il ricambio aria delle stanze con i termosifoni accesi dimenticando che bastano pochi minuti per farlo.

News su Telegram o WhatsApp

Ultime Notizie