16 Aprile 2024 19:07

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Le monete da 10 lire rare e di valore che cercano i collezionisti

Condividi

Negli ultimi anni del secolo scorso, prima che venisse abolita la lira, valevano già poco o nulla e non si vedevano praticamente in circolazione, tanto che al massimo si mettevano nei salvadanai, un po’ come si fa oggi con i centesimi, ma alcune di queste monete oggi hanno un valore numismatico inestimabile, ricercate dai collezionisti e dai negozi di numismatica.

GRADI DI CONSERVAZIONE E VALORE DELLE MONETE

MONETE 10 LIRE RARE – Parliamo delle monete da 10 lire coniate nel XX secolo a tiratura limitata e che hanno acquisito grande di valore sul mercato, se però hanno un ottimo stato di conservazione, in base all’anno di emissione (conio) e tiratura.

10 LIRE OLIVO O PEGASO – Sulle due facciate della moneta vi sono raffigurati un ramoscello di olivo e un cavallo alato. Coniata negli anni 1946, 1947, 1948, 1949 e 1950, ma a tiratura limitata nel 1946 e 1947. Per le annate 1948, 1949 e 1950 il valore parte da 15 e arriva a 80 euro.

1946 – Coniate in 101.000 esemplari raffigurano su un lato un ramoscello d’ulivo, sull’altro un cavallo alato. Economicamente oggi le 10 lire del 1946 hanno un valore di 1.400 euro se si trovano in ottimo stato di conservazione, meglio ancora in fior di conio.

1947 – Coniate in 12.000 pezzi raffigurano su un lato un ramoscello d’ulivo, sull’altro un cavallo alato ed economicamente oggi possono fruttare ai fortunati possessori, se in buono stato di conservazione, 4mila euro.

DOVE SI VENDONO MONETE E BANCONOTE RARE

10 LIRE SPIGHE – Sulle due facciate della moneta vi sono raffigurati  due spighe di grano e un aratro. Coniata dal 1951 al 1999 non è una versione a tiratura limitata e solo quella del 1954 che è un po’ più rara può valere tra 70 e 90 euro. Ma nel 1991 venne coniata con l’aratro capovolto e il valore di queste monete 10 lire rare arriva a 60 euro.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile