Dicembre 2, 2022 14:16

Le Frecce Tricolori in Alta Valtellina






Ieri Bormio è finita su tutte le bacheche social per la notizia che vi sono passate le Frecce Tricolori. Come sempre le notizie vanno verificate, a meno di voler dare patenti aeronautiche “a mio cuggino”.
Per questo abbiamo cercato video che potessero confermarlo con certezza, in mancanza di comunicazioni ufficiali, che a Bormio nessuno saveva. A meno di pensare che nell’epoca in cui tutti raccontano tutto della propria vita h24 chi sapeva si sarebbe lasciato scappare questa “primogenitura” social all’insegna del “likismo”.
I video esistono e sono di Renato Fuchs (che ce li ha forniti) e non vi sono dubbi a riguardo.
Fuchs che avevamo intervistano qualche anno fa quando era presidente di Bormio Terme, e che era inoltre intervenuto su queste “colonne” per parlare di buche sulle strade e del futuro turistico di Bormio ci ha rilasciato un commento.
Un aereo a reazione ieri ha imperversato per trenta minuti nei cieli di Bormio e dintorni.
Ho pensato subito ad una delle Frecce tricolori, per la forma dell’aereo, per il fatto che rilasciava a tratti una scia bianca chiaramente “comandata” dal pilota ma, soprattutto, perché un aereo del genere a quote così basse non poteva che essere super-autorizzato, altrimenti sarebbero arrivati i caccia dell’aeronautica ad abbatterlo… Riprenderlo non è stato facile per la brevità dei passaggi
“.
Le Frecce Tricolori, il cui nome ufficiale è 313º Gruppo Addestramento Acrobatico, è la Pattuglia Acrobatica Nazionale dell’Aeronautica Militare Italiana, nata nel 1961 in seguito alla decisione dell’Aeronautica stessa di creare un gruppo permanente per l’addestramento all’acrobazia aerea collettiva dei suoi piloti.

Le news su WhatsApp e Telegram



Ultime Notizie