25 Maggio 2024 17:02

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Come riconoscere il pesce fresco italiano dall’etichetta

Condividi

Pentole piano a induzioneCome riconoscere pesce fresco italiano – Quasi 8 pesci su 10 che arrivano sulle tavole degli italiani sono stranieri, spesso senza che i consumatori lo sappiano, soprattutto a causa della mancanza dell’obbligo dell’indicazione di origine sui piatti consumati al ristorante.

COME RICONOSCERE IL PESCE FRESCO

Un mercato, quello del consumo del pesce, che aumenta, ma sempre più in mano alle importazioni. La produzione ittica derivante dall’attività della pesca è da anni in calo e quella dell’acquacoltura resta stabile, non riuscendo a compensare i vuoti di mercato creati dell’attività tradizionale di cattura.

Come riconoscere pesce fresco italiano – Anche per questo è sempre più importante verificare sul bancone l’etichetta, che per legge deve prevedere l’area di pesca (Gsa). Le provenienze da preferire sono quelle dalle Gsa 9 (Mar Ligure e Tirreno), 10 (Tirreno centro meridionale), 11 (mari di Sardegna), 16 (coste meridionali della Sicilia), 17 (Adriatico settentrionale), 18 (Adriatico meridionale), 19 (Jonio occidentale), oltre che dalle attigue 7 (Golfo del Leon), 8 (Corsica) e 15 (Malta).

PESCE CONGELATO – Per quanto riguarda il pesce congelato c’è l’obbligo di indicare la data di congelamento e nel caso di prodotti ittici congelati prima della vendita e successivamente venduti decongelati, la denominazione dell’alimento è accompagnata dalla designazione “decongelato”.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile