23 Giugno 2024 09:32

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Quando guadagna una donna delle pulizie in Svizzera

Condividi

Quando guadagna una donna delle pulizie in SvizzeraQuando guadagna una donna delle pulizie in Svizzera

In Svizzera oltre 90mila persone lavorano nella pulizia degli immobili, di cui l’80% a tempo parziale. La maggior parte sono donne con un passato migratorio.

Tre contratti per condizioni di lavoro nel ramo delle pulizie – I contratti collettivi di lavoro (CCL) definiscono le condizioni di lavoro del personale. Attualmente sono tre i Contratti collettivi di lavoro dichiarati di obbligatorietà generale in vigore nel ramo della pulizia degli immobili.

Il CCL per il settore delle pulizie della Svizzera tedesca è vincolante per tutte le imprese di pulizia che occupano più di cinque collaboratrici e collaboratori. Le principali condizioni salariali e di lavoro si applicano anche alle piccole imprese che impiegano meno personale. Anche il personale impiegato a tempo parziale sottostà al CCL e a tutte le sue disposizioni.

Quasi 20mila persone sono assoggettate al CCL per il settore delle pulizie della Svizzera romanda. Nel Cantone di Ginevra si applicano salari minimi più alti.

In Ticino esiste un CCL che Unia non ha tuttavia firmato perché i salari di 17.75 franchi (2022) sono troppo bassi. A titolo di confronto: nel resto della Svizzera il salario minimo supera i 20 franchi.

OFFERTE DI LAVORO IN SVIZZERA IN ITALIANO

Quando guadagna una donna delle pulizie in Svizzera

Salari migliori, protezione sociale e perfezionamento professionale – Negli ultimi anni, i contratti collettivi di lavoro hanno migliorato le condizioni di lavoro delle lavoratrici e dei lavoratori, ad esempio in termini di salario, protezione sociale (congedo di maternità, ecc.) e possibilità di perfezionamento.

Personale impiegato nelle economie domestiche private – Per le persone impiegate nelle economie domestiche private valgono altre regolamentazioni. Esse non sottostanno al contratto collettivo di lavoro, bensì al contratto normale di lavoro per il personale domestico della Confederazione (CNL Personale domestico), in cui è definito solo il salario minimo vincolante. In alcuni cantoni, le condizioni di lavoro sono disciplinate da CNL cantonali.

Fonte: Unia.ch

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile