L’isolamento termico con i bonus casa


L’isolamento termico delle abitazioni inizia quasi sempre dalla sostituzione delle vecchie finestre che non riescono più ad assicurare la necessaria schermatura dagli agenti atmosferici.

Serramenti usurati, obsoleti o malandati causano dispersioni termiche, condensa e spifferi. Non solo, rischiano di vanificare l’azione isolante del sistema di coibentazione di pareti e tetto, peggiorando le condizioni climatiche interne alla casa. Infine aumentano i costi in bolletta.

La soluzione è l’acquisto di infissi in PVC di nuova generazione a risparmio energetico, che progettati per mantenere la temperatura in tutte le stagioni dell’anno, essendo in grado di respingere in modo efficace gelo, raggi UV, umidità, acqua piovana e temperature sottozero.

Per migliorare l’isolamento termico delle case sono attivi diversi bonus legati ai lavori di efficientamento energetico: l’Ecobonus e il Bonus Ristrutturazione.
Benefici che offrono una detrazione fiscale del 50% per acquisto e posa in opera di portoncini d’ingresso e finestre comprensive di infissi e schermature solari.

Al posto delle detrazioni fiscali si può anche optare per la cessione del credito IRPEF al rivenditore di infissi (che aderisce al servizio), ottenendo immediatamente in fattura lo sconto del 50% invece che recuperare l’importo della spesa in detrazioni fiscali in 10 anni. Evitando anche di occuparsi delle questioni burocratiche.

Anche il Superbonus vale per la sostituzione degli infissi nel caso venga associato ad almeno uno degli interventi trainanti (cappotto termico, sostituzione caldaia, lavori antisismici), a patto che, come per l’Ecobonus, vengano rispettati gli altri requisiti previsti.

News su Telegram o WhatsApp

Ultime Notizie