16 Aprile 2024 06:20

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Differenza tra superficie catastale commerciale calpestabile

Condividi

Differenza tra superficie catastale commerciale calpestabileDifferenza tra superficie catastale commerciale calpestabile

Quando si parla di metri quadrati di un immobile, spesso si sente parlare di superficie calpestabile, superficie commerciale e superficie catastale. Ecco le differenze:

La superficie calpestabile è quella che può essere effettivamente utilizzata e comprende le aree interne dell’immobile escludendo muri, pilastri, scale, balconi, terrazzi e giardini. È utile per avere un’idea dell’effettiva vivibilità dell’immobile.

La superficie commerciale invece è più ampia e comprende anche i balconi, i terrazzi, le cantine, i box auto e ogni spazio che può avere un valore economico. Questo parametro è spesso usato dalle agenzie immobiliari per stabilire il prezzo di vendita di un immobile.

Infine, la superficie catastale è quella che risulta dal catasto ed è calcolata sommando la superficie calpestabile a una percentuale delle superfici accessorie (come balconi e terrazzi). Questa superficie è importante per il calcolo delle imposte.

RUDERI E TERRENI ABBANDONATI: COME DIVENTARNE PROPRIETARI

Differenza tra superficie catastale commerciale calpestabile

Per riassumere, la superficie calpestabile è quella effettivamente utilizzabile all’interno dell’immobile, la superficie commerciale comprende anche gli spazi accessori con valore economico, mentre la superficie catastale è quella registrata al catasto e utilizzata per il calcolo delle imposte.

Quindi, quando si acquista o si affitta un immobile, è importante conoscere tutte e tre queste misure per avere un quadro completo della situazione e per evitare sorprese. Infatti, la differenza tra queste superfici può essere notevole e può influire sul valore dell’immobile e sulle tasse da pagare.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile