Segnalata rete dati lenta in Alta Valtellina

Condividi

Puntuale come ogni anno, nel omento in cui si entra nel picco di presenze in Alta Valtellina (in agosto e a Capodanno) e iniziano ad arrivare le segnalazioni dei turisti alle prese con le problematiche della reti dati su smartphone.
Senza puntare il dito sul singolo operatore coinvolto negli ampi disservizi che vengono segnalati da ieri sera tra Bormio, Livigno e Valdidentro, va detto che passano gli anni, ma quando la richiesta di “traffico” nelle località turistiche più gettonate della provincia di Sondrio sale sopra certi livelli, insieme al numero di presenze, gli utenti immediatamente si trovano a dover gestire reti mobili che viaggiano come lumache (la rete voce invece funziona). Quindi diventano ancora più importanti le reti Wi-Fi delle strutture ricettive.
Il problema non sono un’antenna che cade, problemi infrastrutturali o maltempo. Molto più semplicemente i gestori nazionali non investono in un territorio enorme e montano, ma con solo 180mila abitanti. E se ai confini dell’Impero si fatica a farsi rispettare su strade e sanità figuriamoci con le aziende delle telecomunicazioni.
Comunque è un problema che i valtellinesi conoscono bene, quando si connettono alla smart tv alla sera, quando gli accessi a Fortnite in valle sono alti e (a meno che abbiano la fibra via cavo) manca poco che navigano con 56K.
Le strade digitali sono importanti come e forse più di quelle in cemento, ma è un discorso ancora quasi impossibile da fare in provincia di Sondrio.


Ultime notizie