18 Aprile 2024 05:27

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Cosa sono le comunità energetiche rinnovabili

Condividi

Comunità energetiche rinnovabili – L’importanza delle fonti di energia rinnovabili è oggi evidente a tutti e, pertanto, negli ultimi anni si è cercato di sfruttare questa risorsa per soddisfare le esigenze energetiche e al contempo ridurre i costi.

A partire da queste premesse, è emersa l’idea di produrre e condividere l’energia all’interno di specifiche comunità. Da qui nascono le cosiddette comunità energetiche, che riuniscono cittadini, attività commerciali e aziende collaborando sulla base dell’autosufficienza, dell’autoproduzione e della cooperazione.

L’istituzione delle comunità energetiche è legittimata dalla Direttiva europea 2001/2018/UE ed è stata implementata in Italia attraverso il Decreto Milleproroghe 162/2019.

I partecipanti a una comunità possono essere individui o entità giuridiche. A questo punto, l’unico passaggio rimanente è l’individuazione dell’area in cui installare l’impianto, che solitamente viene posizionato in aree industriali abbandonate.

Comunità energetiche rinnovabili  – Inoltre, non è imprescindibile che l’impianto appartenga alla comunità, in quanto può essere messo a disposizione da uno qualsiasi dei membri o persino da una terza parte.

I componenti della comunità ricevono la fattura dal loro fornitore di energia elettrica, ma periodicamente ricevono dalla comunità una somma di denaro in virtù della condivisione dei vantaggi garantiti alla comunità stessa, consentendo un risparmio significativo.

I FALSI MITI SUI PANNELLI FOTOVOLTAICI 

Ai vantaggi economici si aggiungono quelli sociali, legati all’abilità del cittadino di unirsi ad altri per il bene comune. Senza tralasciare i vantaggi ambientali, considerato che si riducono le emissioni di CO2 e di altri gas che influenzano il clima.

Secondo l’Enea, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, entro il 2050, 264 milioni di cittadini europei diventeranno prosumer, ovvero non avranno più un ruolo passivo di consumatori, ma parteciperanno attivamente alle varie fasi del processo produttivo.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile