20 Luglio 2024 00:23

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Umidità di risalita: cause, riconoscimento e soluzioni

Condividi

Umidità di risalita

L’umidità di risalita è un problema comune negli appartamenti al pianterreno, nei piani rialzati, nei sottoscala e nelle case indipendenti con giardino. Questo fenomeno può avere un impatto significativo sulla salute e sul comfort degli abitanti, essendo causato dall’elevata umidità presente nel sottosuolo che interessa le pareti a contatto diretto con la terra circostante l’abitazione, i cosiddetti “muri controterra”.

Che Cos’è l’Umidità di Risalita

L’umidità di risalita si verifica a causa del principio di capillarità, dove l’acqua presente in materiali porosi o assorbenti si propaga, impregnando i muri più bassi fino a rendere le stanze quasi invivibili. Questa umidità può creare problemi strutturali e influire negativamente sulla qualità dell’aria interna.

Come Distinguere l’Umidità di Risalita dalle Altre Macchie

Le macchie di umidità di risalita sono facilmente distinguibili dalle macchie di umidità causate da perdite o condensazione. Si presentano in forma omogenea, procedendo sempre dal basso verso l’alto senza mai superare il metro di altezza. A differenza delle macchie da infiltrazioni, queste hanno bordi ben definiti e non variano in caso di cambiamenti climatici o di umidità. Inoltre, in presenza di umidità di risalita, la quantità di sali aumenta visibilmente nei periodi di elevata evaporazione.

Trattamenti per Umidità di Risalita

Una volta effettuato un sopralluogo e un’analisi dettagliata, un tecnico specializzato può scegliere tra quattro metodologie per neutralizzare l’umidità di risalita:

1. Interventi Meccanici

Questa tecnica, sebbene altamente efficace, è molto invasiva e può modificare la struttura portante. Consiste nel taglio meccanico della parete per inserire materiali in grado di bloccare la risalita dell’acqua. Tuttavia, non è consigliata nelle zone ad alta intensità sismica, come l’Italia.

2. Interventi Elettrosmotici

Gli interventi elettrosmotici utilizzano la corrente elettrica per invertire il flusso dell’umidità, facendo scendere l’acqua verso il pavimento. Questo metodo è utile ma lento e rischioso, poiché i sali tendono ad accumularsi nelle pareti, rendendo il processo inefficace a lungo termine.

LE PIANTE CHE ASSORBONO UMIDITÀ

3. Applicazione di Intonaci Evaporanti

Gli intonaci macroporosi aiutano a ridurre i tempi di evaporazione delle pareti grazie alla loro capacità di assorbimento rapido dell’acqua. Tuttavia, questa soluzione non risolve il problema alla radice, ma serve solo come tamponamento temporaneo. L’umidità continua ad accumularsi all’interno dei muri, causando dispersione termica e saturazione degli intonaci.

4. Interventi Chimici

Gli interventi chimici rappresentano una soluzione meno invasiva rispetto agli interventi meccanici e sono considerati i più efficaci. Applicando una sostanza idrofobizzante all’interno delle pareti, si crea una barriera chimica che risolve il problema in modo definitivo.

Prevenzione dell’Umidità di Risalita

Oltre ai trattamenti correttivi, è importante adottare misure preventive per ridurre il rischio di umidità di risalita. Tra queste, l’impermeabilizzazione delle fondamenta durante la costruzione dell’edificio e la manutenzione regolare delle strutture esistenti.

Conclusione

L’umidità di risalita è un problema complesso che richiede un intervento professionale per essere risolto in modo efficace. Riconoscere le macchie di umidità di risalita e scegliere il trattamento più adatto può migliorare significativamente la qualità della vita all’interno dell’abitazione. Gli interventi chimici, in particolare, offrono una soluzione duratura senza compromettere la struttura della casa.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile