16 Giugno 2024 20:14

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Il Tar sospende le multe ai distributori di carburante di Livigno

Condividi

tasse benzina diesel

Nel mese di luglio, sette aziende operanti nel settore della distribuzione di carburanti a Livigno sono state multate dall’Antitrust per oltre quattro milioni di euro per aver organizzato un cartello sui prezzi della benzina e del diesel. Tuttavia, è stato annunciato oggi che il Tar del Lazio, attraverso una serie di ordinanze identiche a seguito dei ricorsi presentati dalle società Cus.Car, Fibo, Ges.Car, Tre.Car. Cu.Ba., Global Service e Silroc, ha sospeso le sanzioni e anticipato l’udienza di discussione sul merito all’inizio del 2024. L’Antitrust ha accusato le società di aver creato un’intesa che limita la concorrenza. Secondo l’Autorità, fra il 2012 e il 2022, queste aziende avrebbero coordinato i prezzi di vendita al dettaglio di benzina e diesel attraverso comunicazioni settimanali via email, fornendo indicazioni sui futuri prezzi da applicare alle pompe di distribuzione al dettaglio. Ciò avrebbe eliminato la concorrenza tra le parti e compromesso la normale dinamica concorrenziale, a danno dei consumatori.

Il procedimento è stato avviato a seguito di indagini precedentemente compiute dalla Guardia di Finanza. Nonostante un precedente decreto monocratico del Tar avesse stabilito che nessuna sospensione delle multe dovesse essere concessa, i giudici amministrativi in sede collegiale hanno oggi ritenuto, “dato il carattere peculiare del caso e il pericolo di pregiudizio irreparabile esposto nei documenti”, che “gli interessi contrapposti delle parti potrebbero essere adeguatamente protetti concedendo la tutela cautelare richiesta, limitata alla sospensione della sanzione pecuniaria, e anticipando simultaneamente l’udienza pubblica di discussione del ricorso al 24 gennaio 2024”.

REGOLE TANICA CARBURANTI A LIVIGNO

La notizia del 4 luglio 2023 – Secondo l’Autorità dal 2012 al 2022 le società hanno concordato i prezzi di vendita al dettaglio di benzina e diesel tramite comunicazioni settimanali via mail

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha sanzionato per un importo complessivo di oltre 4 milioni di euro (4.287.186,97) le società Cus.Car. S.r.l., Fibo S.r.l., Ges.Car. S.r.l. di Cusini Bernardo & C., Tre.Car. S.r.l., CU.BA. S.r.l., Global Service S.r.l., Bondi Carburanti di Bormolini Luigi S.r.l. e Silroc S.r.l.

L’Autorità ha infatti accertato l’esistenza – nel periodo 2012-2022 – di un’intesa anticoncorrenziale tra le società di distribuzione di carburanti per autotrazione (gasolio e benzina) che operano nel comune di Livigno, in provincia di Sondrio. Secondo l’AGCM l’intesa veniva attuata attraverso comunicazioni settimanali via mail con indicazioni puntuali dei prezzi futuri da applicare negli impianti di distribuzione al dettaglio. Queste mail erano inviate da una persona fisica ad un elenco, visibile a tutti i destinatari, contenente gli indirizzi delle società in questione.

Per l’istruttoria, nata a seguito di precedenti indagini eseguite dalla Guardia di Finanza, l’Autorità si è basata su un ricco quadro probatorio da cui emergono le evidenze dei sistematici invii di mail da parte del mittente alle società di distribuzione di carburanti e della corrispondenza tra i prezzi contenuti nelle comunicazioni e quelli effettivamente praticati dai distributori.

Prezzi benzina diesel Gpl Livigno

Secondo l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato l’intesa ha eliminato il confronto competitivo tra le parti e ha compromesso irrimediabilmente il fisiologico gioco concorrenziale a danno dei consumatori.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile