22 Aprile 2024 20:35

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Le tasse per i nuovi frontalieri in Svizzera

Condividi

frontalieri in SvizzeraNuovi frontalieri in Svizzera

Il 31 maggio 2023, è stato approvato il nuovo accordo fiscale tra Italia e Svizzera, diverso dall’accordo del 1974. Quest’ultimo prevedeva una tassazione agevolata per i frontalieri italiani, ovvero coloro che vivono in un comune a meno di 20 chilometri dal confine e attraversano quotidianamente per lavorare in Svizzera. In base a tale accordo, il salario lordo annuo guadagnato era soggetto a tassazione solamente nello Stato in cui veniva generato, cioè la Svizzera.

Con il nuovo accordo, questa condizione rimane inalterata per i vecchi frontalieri, mentre per i nuovi lavoratori assunti dal 2024 in poi, ci sono cambiamenti significativi.

Ai nuovi frontalieri sarà applicato, anche se con un meccanismo di mitigazione, il principio fondamentale della fiscalità internazionale. In pratica, il potere impositivo sul reddito generato dai residenti, indipendentemente da dove sia prodotto, sarà tassato nello Stato in cui hanno la propria residenza fiscale.

OFFERTE DI LAVORO IN SVIZZERA IN ITALIANO

Frontalieri Svizzera 

Il confronto tra le tasse pagate da un frontaliere assunto prima della fine del 2023 e uno che inizierà a lavorare nel 2024 dipende sia dal reddito percepito che dalla futura possibilità di applicare o meno le cosiddette retribuzioni convenzionali ai nuovi frontalieri.

Attualmente, considerando un salario lordo di base di 100mila franchi, si stima che la differenza tra il nuovo e il vecchio frontaliere – tenendo conto delle eventuali deduzioni e detrazioni specifiche – possa risultare in una maggiore imposizione fiscale di circa 12mila euro.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile