16 Aprile 2024 06:49

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Come controllare il consumo di gas in casa

Condividi

Come controllare il consumo di gas in casaNell’elenco dei sprechi domestici, il consumo di gas metano emerge come una delle voci più significative.

Durante l’inverno, tale consumo tende ad aumentare a causa dell’uso intensivo dei sistemi di riscaldamento. Questo incremento può essere attribuito non solo alla frequenza d’uso maggiore, ma anche a pratiche inefficienti come l’utilizzo di impianti obsoleti o di classe energetica inferiore, il mancato sfiato dei termosifoni o la trascuratezza nella manutenzione della caldaia.

Avere consapevolezza del proprio consumo di gas può spingere verso un utilizzo più oculato e mirato di questo combustibile e dei sistemi di riscaldamento domestico. Esaminiamo i metodi per monitorare il consumo di gas in casa.

Controllare il consumo di gas

L’importanza del monitoraggio del consumo di gas deriva dal fatto che il metano rimane una delle principali fonti energetiche impiegate per riscaldare gli ambienti domestici, per la cottura dei cibi e per il riscaldamento dell’acqua. Monitorare e verificare il consumo di gas può favorire un utilizzo più responsabile sia del gas stesso che degli impianti ad esso collegati. Le informazioni raccolte e monitorate dovrebbero essere confrontate con le bollette e i contratti forniti dal gestore del servizio.

È consigliabile controllare i consumi quotidianamente al fine di:

Ridurre gli sprechi giornalieri.
Ottenere risparmi nel lungo periodo.
Concentrare eventuali consumi durante le fasce orarie più convenienti, se previsto dal contratto.
Esaminare le offerte disponibili sul mercato libero dell’energia elettrica e del gas pubblicate sul Portale Offerte di ARERA.
Adottare abitudini alimentari più salutari, come la cottura a vapore, che oltre a favorire la salute porta a risparmi energetici.
Valutare investimenti in impianti di riscaldamento più ecologici o combinati con fonti energetiche alternative, spesso incentivati da agevolazioni fiscali.
Programmare interventi edilizi mirati a ridurre i consumi e a limitare le dispersioni di calore, come l’installazione di un nuovo isolamento termico o la sostituzione degli infissi.
Scegliere elettrodomestici con minor consumo energetico e di classe energetica superiore.
Identificare eventuali anomalie confrontando i dati del contatore con quelli riportati in bolletta.
Contribuire alla transizione verso un’economia energetica più sostenibile e all’attuazione del Green Deal, che mira a ridurre la dipendenza dalle fonti energetiche inquinanti.

CAMBIARE POTENZA DEL CONTATORE

Per monitorare il consumo di gas in casa, è importante effettuare l’autolettura del contatore, specialmente se non è disponibile un sistema di telelettura a distanza. Questo perché le bollette potrebbero essere basate su stime invece che su dati reali di consumo. Gli esperti consigliano di monitorare il consumo giornalmente o almeno una volta alla settimana.

Come controllare il consumo di gas in casa

Ci sono diverse modalità per farlo:

Utilizzare il sistema tradizionale di lettura manuale del contatore, sebbene possa risultare complicato in caso di riscaldamento centralizzato condominiale.
Optare per l’installazione di smart meter e contatori intelligenti.
Ricevere la bolletta del gas in formato digitale.
Utilizzare il Portale dei Consumi di ARERA.

La lettura manuale del contatore è il metodo meno pratico e meno preciso dal punto di vista statistico. È possibile consultare lo storico dei consumi domestici nell’ultima bolletta, sia in formato cartaceo che elettronico, o tramite l’applicazione fornita dal gestore del servizio.

Il Portale dei Consumi di ARERA offre un servizio gratuito che consente ai consumatori italiani di accedere ai propri dati ufficiali sui consumi di luce e gas tramite SPID. Il portale fornisce anche informazioni sulle offerte disponibili sul mercato libero, consigli utili per ridurre i consumi e suggerimenti per evitare eventuali frodi o inconvenienti.

Gli smart meter e i contatori intelligenti digitali rappresentano il metodo più efficace per monitorare e gestire i consumi di gas in casa. Oltre a consentire di visualizzare lo storico dei consumi, questi dispositivi offrono la possibilità di personalizzare, programmare e controllare il consumo di gas, consentendo così un maggiore risparmio energetico durante l’uso dei sistemi di riscaldamento.

Gli apparecchi più recenti possono essere gestiti e monitorati da remoto tramite domotica o connessione wi-fi, offrendo così una maggiore flessibilità e praticità.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile