22 Maggio 2024 03:38

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Come funziona il ritiro dedicato con il fotovoltaico domestico? Una guida completa

Condividi

fotovoltaico domesticoIntroduzione al Fotovoltaico Domestico e al Ritiro Dedicato

Nell’ambito delle energie rinnovabili, l’installazione di pannelli fotovoltaici nelle abitazioni private rappresenta una delle scelte più popolari e vantaggiose per produrre energia pulita e ridurre i costi in bolletta. Un aspetto meno noto ma estremamente interessante di questa tecnologia è il cosiddetto ritiro dedicato. Questo sistema permette ai proprietari di impianti fotovoltaici di vendere l’eccesso di energia prodotta alla rete elettrica, ottenendo un compenso economico. In questo articolo, esploreremo in dettaglio come funziona il ritiro dedicato nel contesto del fotovoltaico domestico, delineando i benefici e le modalità operative.

Cos’è il Ritiro Dedicato?

Il ritiro dedicato è un meccanismo previsto dalla normativa italiana che consente ai produttori di energia elettrica da fonti rinnovabili, come il fotovoltaico, di immettere l’energia non autoconsumata nella rete elettrica nazionale. La particolarità di questo sistema è che l’energia viene acquistata a un prezzo predefinito, stabilito dall’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico (ARERA), che può variare annualmente o secondo specifici periodi dell’anno.

QUANDO SI GUADAGNA CON IL FOTOVOLTAICO?

Come Funziona il Sistema di Ritiro Dedicato?

  1. Produzione di Energia: Il primo passo è naturalmente la produzione di energia elettrica tramite i pannelli solari installati sul tetto di casa. Durante le ore di sole, i pannelli catturano l’energia solare e la convertendo in energia elettrica utilizzabile.
  2. Consumo e Surplus: L’energia prodotta viene prima utilizzata per soddisfare i consumi energetici dell’abitazione. Qualora la produzione superi il consumo reale, si genera un surplus di energia.
  3. Immissione in Rete: Il surplus di energia non utilizzato viene automaticamente immesso nella rete elettrica. Questo passaggio è gestito tramite un contatore bidirezionale che misura sia l’energia prelevata dalla rete sia quella immessa.
  4. Compensazione Economica: Per l’energia immessa in rete, il produttore riceve una compensazione economica. Il valore di questa compensazione è determinato dalla tariffa di ritiro dedicato, che varia a seconda del momento dell’immissione e delle politiche tariffarie attuali.

Vantaggi del Ritiro Dedicato

Il ritiro dedicato offre diversi vantaggi, tra cui:

  • Riduzione della Bolletta Energetica: Produrre la propria energia riduce la dipendenza dall’energia della rete, abbattendo i costi energetici.
  • Contributo alla Sostenibilità: Utilizzare energia solare diminuisce la dipendenza da fonti fossili, contribuendo alla riduzione delle emissioni di CO2.
  • Guadagno Economico: La vendita dell’energia in eccesso rappresenta una fonte di guadagno aggiuntivo, che può ammortizzare ulteriormente i costi dell’impianto.

Pannelli fotovoltaici

Installare un impianto fotovoltaico con ritiro dedicato rappresenta una scelta ecologica ed economica vantaggiosa. Tuttavia, è essenziale considerare attentamente le dimensioni dell’impianto rispetto ai consumi abituali dell’abitazione per massimizzare i benefici del sistema. Inoltre, resta fondamentale tenersi aggiornati sulle evoluzioni delle politiche energetiche e delle tariffe di ritiro per ottimizzare ulteriormente il ritorno economico.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile