16 Giugno 2024 10:36

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Come collegare i termosifoni al camino di casa

Condividi

Collegare termosifoni al caminoCollegare termosifoni al camino – Mentre aumentano le abitazioni dotate di moderni impianti a pellet o a cippato, chi ha il tipico camino nel soggiorno cerca nuovi metodi per diffondere il calore in tutta la casa. Tra le soluzioni, oltre alle bocchette con ventilatore che possono essere installate nelle pareti delle stanze, alcuni cercano di collegare il camino con i radiatori dislocati nell’abitazione.

Anche se può sembrare un’impresa complessa, esistono alcuni passaggi semplici per eseguirlo in modo efficace e organizzato. Prima di tutto, bisogna procurarsi due tubi di rame di 22 centimetri:
uno “di mandata” serve per trasportare l’acqua calda ai radiatori, l’altro “di ritorno” percorre il tragitto inverso e si collega al camino attraverso una pompa di circolazione (facilmente ottenibile attraverso un elettricista di fiducia).

Collegare termosifoni al camino – Per prevenire malfunzionamenti e garantire un funzionamento fluido, sarebbe utile avere anche un piccolo serbatoio per contenere l’acqua in “standby”. Infatti, non tutta l’acqua riscaldata può essere distribuita contemporaneamente nei radiatori, quindi è necessario avere un recipiente che agisca come “riserva” mentre l’acqua calda raggiunge i radiatori nelle varie stanze.

Questo aspetto diventa ancora più rilevante se si vive in una grande casa distribuita su più piani. Senza un serbatoio di riserva, il rischio di disperdere calore nelle tubature aumenta significativamente quando l’acqua calda deve raggiungere punti lontani dal camino a cui l’impianto è collegato.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile