15 Luglio 2024 14:29

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Escursione all’Alpe Trela e Alpisella

Condividi

ALPE trelaAlpe Trela e Alpisella

Questa escursione percorre i sentieri del Parco Nazionale dello Stelvio passando per l’inizio della Val Alpisella, Val Pila, Val Trela, Val Pettini, per poi concludere in Val Alpisella.

Arrivati a Livigno conviene lasciare l’auto nei parcheggi nelle vicinanze della chiesa parrocchiale di Santa Maria Nascente (1.811 m) e poi incamminarsi verso il ponte che permette di superare le acque del Torrente Spöl: ci troviamo nel bacino idrografico del Fiume Danubio.

Raggiunto il grande lago artificiale di Livigno si prende il Sentiero n. 136 che risale e percorre per un breve tratto la sponda orografica sinistra della Val Alpisella solcata dal torrente Canale Torto.

Dopo aver percorso poco più di un chilometro della valle si devia in una vallata più aperta che porta in località Stefan (1.896 m) dove, poco prima del depuratore, si imbocca il sentiero che sale in Val Pila e va al Passo di Trela (2.294 m).

Dal passo inizia la bella discesa verso il grande maggengo di Alpe Trela (2.173 m). Proseguendo verso N-E sulla stradina VASP, in Val Pettini, si scende al lago artificiale di S. Giacomo di Fraele che si trova nel bacino idrografico del Fiume Po.

ESCURSIONE IN VAL DI TOGNO

Strada del Sale e del Vino

Ora bisogna percorrere un paio di chilometri di strada sterrata verso Nord e, poco prima del ponte che supera il primo tratto del Fiume Adda, si devia sulla mulattiera n. 138, un’importante via commerciale nel passato tra Nord e Sud denominata “Strada del Sale e del Vino”: dalla Baviera e dall’Austria arrivava il salgemma mentre da Bormio partivano, in direzione opposta, vino ed altri prodotti.

Percorrendo questo bellissimo tracciato si sale al Passo Alpisella (2.292 m), al vicinissimo e omonimo alpeggio, e al suo bel lago per poi iniziare la lunga discesa verso Livigno in Val Alpisella.

Arrivati al Rifugio si percorre il ponte che supera le acque del Canale Torto e poi si prosegue sullo stesso itinerario fatto al mattino passando nei pressi della Latteria di Livigno per poi raggiungere il punto di partenza.

Percorso (E) di 30 chilometri, dislivello positivo 890 metri, no fontane.
Giorgiogemmi.it

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile