16 Aprile 2024 20:14

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Il corretto utilizzo della legna come combustibile

Condividi

utilizzo legna combustibilePer sfatare i luoghi comuni brucia bene la legna, non bruciarti la salute: il corretto utilizzo della legna come combustibile e le strategie per ridurre l’inquinamento da legna.

Una cattiva o scorretta combustione del legno produce polveri sottili e sostanze tossiche, come il benzoapirene, che si liberano nell’aria; in presenza di inversione termica nei mesi più freddi la situazione può peggiorare perché queste sostanze permangono nel fondovalle.

Una combustione corretta deve seguire poche ma importantissime regole.

ACCENSIONE – Mentre si accende lasciare il controllo dell’aria del tutto aperto fino a quando la camera di combustione è piena di fiamma e riscaldata. Accendere usando la giusta quantità di legna fine e secca, prodotti specifici per l’accensione o poca carta di giornale (non patinata, mai riviste e settimanali).

FUOCO ACCESO – Avviata la combustione, se il fuoco fatica, spaccare la legna in piccoli pezzi  e usarne più di uno per ciascun carico. Mai caricare quantità eccessiva: il quantitativo da non superare viene indicato nel libretto di istruzioni degli apparecchi.

COLORE FIAMMA – Mantenere sempre la fiamma vivace. Fiamme blu, giallo-rosso o rosso chiaro indicano una buona combustione, al contrario rosse o rosso scuro segnalano una cattiva combustione

FUMO – Con combustione adeguata il fumo è quasi invisibile: se invece è denso all’uscita del camino, di colore da giallo a grigio scuro, la combustione non è corretta e bisogna verificare l’apparecchio.

ODORI – La combustione della legna non deve generare odori, in caso contrario si stanno formando sostanze nocive in quantità significative.

CENERI – La cenere che deriva da una buona combustione è grigio chiaro o bianca. Se è scura e pesante o la testa del camino è sporca di nero non stiamo bruciando correttamente. Per assicurare un corretto apporto di aria occorre rimuovere la cenere dall’apparecchio.

FULIGGINE– Un impianto efficiente comporta basso consumo del combustibile e poca fuliggine nei camini. La presenza di tanta fuliggine segnala un elevato consumo di combustibile. Mantenere gli sportelli dell’apparecchio chiusi quando non si carica o ricarica il combustibile.

ALLARMI – Raccomandabile l’installazione di un allarme anti-fumo per l’allertamento in caso di innesco di incendio e di un identificatore di monossido di carbonio, gas inodore, incolore e molto tossico che deriva da una combustione inadeguata.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile