12 Giugno 2024 19:55

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

I bunker e le strade minate svizzere sui confini

Condividi

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Valtellina Mobile (@valtellinaturismo)


Strade minate svizzere

In Svizzera per difendere i propri confini nel XX secolo furono costruiti nelle fasce di confine (da est o ovest e da nord a sud) centinaia di bunker perfettamente nascosti e mimetizzati nella natura. Contenevano postazioni anticarro, rifugi, gallerie, camminamenti con batterie antiaeree.

I RIFUGI ANTIATOMICI SVIZZERI

ANNI 80 – Fino agli anni ’80 del secolo scorso tutti i ponti e i viadotti stradali e ferroviari nella fascia di confine erano minati, con meccanismi a torretta rialzabili con dentro l’esplosivo che ogni anno venivano provati per verificare le cariche.

Strade minate svizzere sui confini della Valtellina

VALTELLINA – Anche vicino alla provincia di Sondrio non mancavano. Ad esempio la strada che costeggia il lago di Poschiavo era minata, e i tombini (piccoli chiusini quadrati che attraversano la sede stradale, colonnine che nascondevano le cariche) si potevano vedere anche prima di arrivare a La Rosa prima di arrivare alla dogana La Motta.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile