14 Luglio 2024 10:15

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Stendere il bucato in casa d’inverno fa male?

Condividi

Stendere bucato in casa fa maleStendere bucato in casa fa male – Pare una soluzione pratica e conveniente stendere i panni all’interno di casa durante l’inverno, soprattutto per chi vive in appartamenti più piccoli o senza balconi. Senza dubbio, un stendino carico di vestiti appena lavati potrebbe bilanciare un eccesso di secchezza in una stanza.

Tuttavia, per alcune persone, tenere il bucato umido in casa, specialmente durante i mesi più freddi con i riscaldamenti accesi, potrebbe essere dannoso. Anche appoggiare il bucato sui termosifoni caldi non è salubre. Inoltre, facendo così, si rischia di “soffocare” i radiatori, con conseguente spreco di energia, calore, e incremento delle spese energetiche. Il nemico principale è sempre lo stesso: l’umidità e le conseguenze che ne derivano.

Un ambiente domestico con un’elevata umidità è un terreno fertile per la crescita di muffe, in particolare l’Aspergillus e il Pennicillum. Le muffe non sono solo dannose per gli intonaci e le pareti. Sono anche nocive per la salute umana, perché le spore delle muffe possono essere inalate, aumentando il rischio di infezioni polmonari. L’esposizione prolungata e costante all’umidità è particolarmente dannosa per i bambini, gli anziani e le persone che soffrono di patologie.

Stendere bucato in casa fa male – Le muffe sono microrganismi che appartengono alla famiglia dei funghi. Pertanto, possono diffondersi producendo spore che formano colonie su diverse superfici, come i muri di casa, i filtri dei condizionatori, il legno, i tessuti e il cibo, persino se riposto in frigo. Insomma, si innesca una catena di reazioni che peggiora la situazione, specialmente se si vive in case piccole, umide, con infiltrazioni nei muri che portano umidità dall’esterno.

Un stendino con panni umidi che asciugano in casa può aumentare considerevolmente l’umidità dell’aria. Con i riscaldamenti accesi in inverno, l’umidità può raggiungere livelli preoccupanti.

Sarebbe ancora peggio utilizzare la cucina e il bagno come luoghi in cui posizionare lo stendino, dato che la presenza di docce e lavandini genera ulteriore acqua e umidità. Le muffe possono provocare reazioni allergiche che interessano il sistema respiratorio, causando problemi come raffreddori, riniti e gravi crisi di asma. Le persone con un sistema immunitario debole o compromesso possono diventare bersaglio del pericoloso Aspergillus, la principale causa dell’aspergillosi polmonare.

Se non si può fare a meno di usare la casa per stendere i panni, a causa di limiti di spazio o per ragioni economiche che impediscono l’acquisto di un’asciugatrice, si potrebbe creare un angolo apposito da destinare a lavanderia. Un seminterrato sarebbe l’ideale, o comunque uno spazio separato dalle zone di frequente utilizzo.

Se non c’è altra scelta se non tenere lo stendino in casa, sarebbe opportuno areare l’abitazione nelle ore più calde del giorno, dotare le stanze di deumidificatori e compiere azioni mirate a eliminare e prevenire la formazione di muffe e infiltrazioni.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile