Rottamazione multe e bolli auto

Sanzioni, multe e sanzioni Amministrative

La manovra economica ha sancito l’azzeramento o la rateizzazione dei debiti pregressi con lo stralcio o la rottamazione delle cartelle. Una decisione che dovrebbe alleggerire la macchina burocratica gravata da un recupero crediti che risulta macchinoso e poco redditizio.

2000 – 2015 – Chi, alla data del 1° gennaio 2023, ha maturato un debito fino a 1.000 euro per ciascuna cartella, comprensivo di capitale, interessi e sanzioni, relativo al periodo 2000-2015 vedrà cancellato d’ufficio (automaticamente, senza fare nulla) il debito stesso.

MULTE – La sanatoria non riguardo solo le cartelle del bollo ma anche multe stradali e altri verbali amministrativi, tuttavia le prime saranno le più interessate dalla rottamazione visto che l’importo della tassa automobilistica, pur con more e interessi, raramente supera i 1.000 euro.

LIMITE SINGOLA CARTELLA – Il limite dei mille euro va considerato per ogni singola cartella e non per l’arretrato complessivo, col risultato che se il totale degli addebiti ammonta a più di 1.000 euro ma è composto da cartelle che singolarmente non superano la soglia dei 1.000 euro, allora potrà essere estinto completamente.

MILLE EURO E BOLLI NON PAGATI – Per i debiti oltre i mille euro e per i bolli non pagati dal 2016 al 30 giugno 2022 sarà possibile saldare con pagamento unico con sconto su sanzioni e interessi entro il 31 luglio prossimo oppure rateizzare fino a un massimo di 18 soluzioni da corrispondere entro il 30 novembre 2027, con questo piano di rateizzazione per il 1° anno:

1° luglio 2023 (prima rata)
30 novembre (seconda rata)
28 febbraio 2024
31 maggio 2024
31 luglio 2024
30 novembre 2024

News su Telegram o WhatsApp
Scarica la nostra APP Android

Ultime Notizie