Novembre 27, 2022 00:09

Riscaldare casa risparmiando con i condizionatori inverter


Con l’arrivo del freddo e i rincari del gas una delle soluzioni alternative più convenienti per riscaldare casa può essere utilizzare i condizionatori inverter.
Questi elettrodomestici offrono maggiori performance e consumano meno energia elettrica rispetto a termosifoni e stufe elettriche. Ideali per appartamenti che necessitano di essere riscaldate in poco tempo, ma con bassi costi. Soprattutto nelle mezze stagioni quando si può evitare di accendere i termosifoni.

L’importante è acquistare condizionatori che lavorano correttamente e senza aumento di consumi anche con temperature esterne inferiori a -15°C. Inoltre optare per modelli che garantiscono prestazioni eccellenti prestazioni perché dotati del sistema di sbrinamento computerizzato in grado di rilevare la diminuzione di potenza riscaldante della pompa di calore dovuta alla formazione della brina.

Il risparmio (e l’efficienza) che deriva dalla tecnologia inverter nasce dal fatto che questi condizionatori sfruttano gas compresso e non sono invece dotati, come le stufette, di resistenze elettriche. Inoltre il loro compressore si adatta mentre raggiunge la temperatura che viene impostata, diminuendo il numero di giri e il consumo di energia elettrica.
Nella scelta del condizionatore inverter si devono valutare diversi fattori. I principali sono: l’isolamento termico garantito dai serramenti, appartamento a piano terra o piani rialzati, esposizione a nord o sud del locale da riscaldare, quanti locali si devono riscaldare e le loro dimensioni, il numero di persone che abitano nella stanza

Vantaggi

Accedono agli incentivi statali Bonus o Ecobonus.
Spese di installazione e manutenzione molto più basse delle caldaie.
Risparmio di spazio essendo fissato a parete.
Non generano rifiuti, cenere e polvere.
Riscaldano immediatamente dopo che vengono accesi.
Si può programmare il tempo di accensione e spegnimento degli apparecchi.
Grazie al sistema di filtraggio eliminano dall’aria allergeni, batteri e cattivi odori.
Convenienza rispetto ad altri apparecchi riscaldanti che consumano energia elettrica, come stufette o termoventilatori: consumano infatti tra 300 e 500 W.
In termini di quantità di aria propagata hanno un rendimento di 3 a 1 rispetto alle caldaie.
Costo del riscaldamento azzerato se abbinati ad un impianto fotovoltaico.
Hanno un ciclo di vita molto superiore rispetto alle tradizionali caldaie a gas.

News su Telegram o WhatsApp

Ultime Notizie