20 Giugno 2024 23:19

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Cosa fare prima di rimettere in funzione il termocamino

Condividi

rimettere in funzione termocaminoRimettere in funzione termocamino – Prima di ripristinare l’utilizzo del termocamino per la stagione fredda, è fondamentale effettuare alcuni controlli sull’apparato e pulire il fascio tubiero e il condotto fumario, al fine di mantenere intatte le funzionalità e la sicurezza dell’apparecchio.

È necessario assicurarsi che il sistema termico sia pieno d’acqua e che la pompa di circolazione funzioni correttamente. Per il controllo del sistema, basta avere uno sguardo sulla vasca di espansione: se è piena d’acqua, significa che il sistema è pronto per l’uso, se è vuota è necessario prima individuare e rimuovere l’ostacolo che impedisce all’acqua di raggiungerla.

Per quanto riguarda la pompa di circolazione, è necessario rimuovere il coperchio di ispezione, avviarla utilizzando il pulsante dedicato sulla plancia di controllo e controllare la sua funzionalità: se si muove, si può avviare il funzionamento, altrimenti è necessario prima sbloccarla. Lo sblocco si realizza, a secondo del tipo di incastramento, forzandolo avanti e indietro fino a che non inizia a girare autonomamente. A questo punto, riapplicare il coperchio, spegnere il pulsante della pompa e procedere all’avvio.

È anche necessario effettuare la pulizia del fascio tubiero e del condotto fumario. Inizialmente, è necessario rimuovere le lamine che formano la volta della camera di combustione. Queste lamine devono essere rimosse una alla volta, sollevandole da un lato per sganciarle, poi abbassarle e rimuoverle. Successivamente, continuare con la rimozione dei turbolatori presenti nei tubi dello scambiatore, ruotandoli in direzione antioraria per sganciarli e poi rimuoverli.

Rimettere in funzione termocamino – A questo stadio, si procede con la pulizia del condotto fumario, operazione che può essere eseguita in due modi: dal comignolo verso il basso utilizzando uno scovolo standard, o dal interno della camera di combustione verso l’alto con l’uso di scovoli specifici.

Una volta terminata la pulizia del condotto fumario, si passa alla pulizia dei tubi del fascio tubiero, che devono essere puliti singolarmente con lo scovolo fornito in dotazione. Al termine di queste operazioni, si procede a reinserire i turbolatori e le lamine della volta della camera di combustione.

Dalla pulizia si può comprendere l’uso che è stato fatto del termocamino: se si sono utilizzati legna secca e carichi appropriati, le scorie saranno secche, polverose e facilmente rimovibili, altrimenti, se risultano catramose e difficili da rimuovere, significa che il termocamino è stato utilizzato con legna umida e carichi insufficienti.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile