16 Aprile 2024 19:33

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Manutenzione e pulizia canna fumaria: il rischio creosoto

Condividi

quale legna tossicaPulizia canna fumaria – Un incendio di canna fumaria può avere diverse cause e può essere interno o esterno. Nella maggior parte dei casi, le fiamme si sviluppano non nel generatore di calore, come una stufa a pellet o un caminetto a legna, ma nel condotto di evacuazione dei fumi. Di conseguenza, sono soprattutto le canne fumarie interne agli edifici ad essere a rischio, a differenza di quelle installate esternamente che presentano minori pericoli.

QUANTO DURA UNA CANNA FUMARIA?

Uno dei motivi più comuni per gli incendi dei tetti è l’isolamento insufficiente delle canne fumarie

Oltre all’installazione appropriata della canna fumaria, la manutenzione regolare del camino rappresenta il metodo più efficace per prevenire gli incendi. Con l’uso continuato, i condotti di smaltimento dei fumi possono accumulare creosoto: si tratta di un liquido catramoso che si forma dalla condensa dei fumi di combustione e dalla fuliggine presente nei tubi. Col tempo, il creosoto tende a depositarsi, formando uno strato interno che può risultare poi arduo da eliminare.

La presenza di creosoto all’interno di una canna fumaria è pericolosa in quanto si tratta di un materiale estremamente infiammabile che può provocare incendi e fiamme all’interno del camino, portandolo a raggiungere temperature considerevolmente alte.

Eseguire periodicamente le operazioni di pulizia e manutenzione della canna fumaria, solitamente una o due volte all’anno in base al tipo di combustibile utilizzato, e affidarsi interamente a tecnici professionali, rappresenta dunque l’approccio più efficace per ridurre l’accumulo di tali sostanze e minimizzare il rischio di un incendio iniziato dal camino.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile