Giovedì 02 dicembre 2021

Piano Gasser: i costi dei nuovi impianti e della loro gestione

Condividi





Un interessante pomeriggio di lettura e analisi delle decine e decine di pagine e mappe del Piano Gasser, opera di cui tanto si parla in Alta Valtellina. Come Mountain Wilderness ringraziamo la Comunità Montana per averci dato accesso ai documenti e alle delibere, dove sono ben descritte le opere, gli impianti, le piste e l’innevamento artificiale.
Magari pochi lo sanno, ma non sono previste piste ed impianti in Valle del Sobretta. Viene prevista una funivia a campata unica di 3,63 km, che collegherà i 3.260 metri della Cima Sud di Sobretta ai 3.011 metri della Cima Bianca di Bormio. Costo che si aggira solo per quell’impianto dai 17 milioni per una classica funivia ai 24 milioni di euro per i nuovi sistemi 3S.
La cosa che mi è saltata all’occhio e che va analizzata a fondo sono i costi di gestione. Tra personale, energia elettrica, manutenzioni ordinarie, ammortamento capitale, assicurazioni e varie, il collegamento sciistico tra Bormio e Santa Caterina (solo per i nuovi impianti previsti, non per quelli esistenti) è stimato in quasi 7 milioni di euro all’anno.
Marco Trezzi
Leggi anche:
Dalle piste del Tonale, attraverso il Gavia, a quelle della Valtellina
Le news su WhatsApp e Telegram



Ultime notizie