16 Aprile 2024 05:35

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Perché le case vengono messe all’asta

Condividi

comprare casa senza mutuoPerché le case vengono messe all’asta – In generale, una casa può essere messa all’asta se viene sottoposta a pignoramento da parte della banca o di altri enti che vantano diritti di credito sul bene. Il pignoramento rappresenta un metodo costrittivo per recuperare parte del credito, mettendo in vendita l’immobile. Pertanto, il termine pignoramento si riferisce a un’azione di espropriazione forzata di un bene, sia esso mobile o immobile, a causa dell’insolvenza del proprietario debitore. È importante sottolineare che il pignoramento può essere richiesto sia per la prima casa che per abitazioni in cui vi siano minori o persone con disabilità a carico.

Il pignoramento rappresenta l’ultimo passo di un lungo processo avviato dal creditore nei confronti del proprietario dell’immobile, con lo scopo di recuperare il denaro dovuto. Le fasi precedenti comprendono il decreto ingiuntivo e il precetto. Il decreto ingiuntivo viene richiesto dal creditore tramite l’Autorità Giudiziaria, che obbliga il proprietario a pagare l’intero importo e gli interessi correlati entro 40 giorni. Se il primo avviso non viene rispettato, si procede al secondo passo, ovvero il precetto. Quest’ultimo è anch’esso un atto giudiziario emanato dall’Autorità Giudiziaria, ma in questo caso il tempo concesso per saldare il debito nei confronti del creditore si riduce a soli 10 giorni.

Una volta decretato il pignoramento, un perito si reca presso l’abitazione per effettuare un’accurata valutazione delle sue condizioni e del suo valore. Successivamente, il tribunale stabilisce un prezzo minimo sulla base del quale si definisce la data di inizio dell’asta. Se durante l’asta non si ricevono offerte, il prezzo dell’immobile verrà ridotto fino al 25% e, dopo il quarto tentativo, può arrivare anche al 50% di sconto.

L’ex proprietario dell’abitazione può rimanere a vivere nella casa durante il periodo dell’asta, almeno fino all’emissione del decreto di trasferimento. Questo documento, infatti, sancisce il passaggio definitivo di proprietà dell’immobile. Essendo un decreto esecutivo, la casa deve essere sgomberata immediatamente e senza proteste. In caso contrario, il Tribunale può richiedere lo sgombero forzato dell’abitazione.

News su Telegram o WhatsApp
Scarica la nostra APP Android

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile