Mercoledì 08 dicembre 2021

Gare di scialpinismo 2026 a Bormio, l’amarezza di Albosaggia

Condividi





Come previsto le gare di scialpinismo delle Olimpiadi 2026 sono state assegnate a Bormio. Che ha vinto la concorrenza di Cortina, ma anche delle altre località che ambivano ad ospitare questo appuntamento.
La delusione della comunità di Albosaggia è stata pubblicata sui social dal sindaco Graziano Murada.
“Fine di un sogno. Ci abbiamo creduto, abbiamo lottato, abbiamo fatto squadra, ma non è bastato. Le gare olimpiche di scialpinismo del 2026 finiscono a Bormio. Con buona pace del resto della valle. Rimane l’amarezza di un paese e di una Polisportiva che da oltre trent’anni seminano in questa direzione. Ma non è bastato.
94 milioni al Comune di Livigno per le Olimpiadi
Cosi come non è servito cedere “sovranità” in favore della media valle, facendo fronte comune nel dossier di presentazione della candidatura. Comprensorio di Sondrio che nello scialpinismo vede(va) l’occasione di riscatto e di rilancio di un percorso turistico in favore delle nuove generazioni. Lo scialpinismo è per sua natura slow, nato e cresciuto e per questo legato a quei luoghi magici, silenziosi e fuori dalle rotte commerciali. Nulla di tutto questo è stato tenuto in considerazione. Il nostro amato sport finisce dentro il calderone delle stazioni sciistiche di grido. Quelle stesse stazioni turistiche che, da sempre, non vedono di buon occhio lo scialpinista.
E qua mi fermo”.
Olimpiadi 2026, interventi sottoposti a valutazione ambientale?
Le news su WhatsApp e Telegram



Ultime notizie