Giovedì 26 maggio 2022

Se gli acquisti a Livigno non rientrano in franchigia

Condividi





I beni acquistati in Livigno o in Svizzera non rientranti nelle franchigie, devono essere dichiarati immediatamente al Personale della Guardia di Finanza o dell’Agenzia delle Dogane al valico di confine al rientro nel territorio doganale dello Stato. Per la provincia di Sondrio i valichi di confine doganale sono: sede staccata di Piattamala – Tirano (confine con la Svizzera e Livigno);sezione operativa territoriale di Passo del Foscagno (confine con Livigno); sezione operativa te rritoriale di Villa di Chiavenna (confine con la Svizzera e Livigno). I diritti da pagare incidono percentualmente sul prezzo di acquisto per circa il 25% (dazio più IVA). L’incidenza fiscale è invece maggiore per le bevande alcoliche, per la carne e la bresaola.
Le news su WhatsApp e Telegram



Ultime notizie