21 Giugno 2024 07:13

Valtellina Mobile, notizie dalla Valtellina
Cerca

Conti correnti nel mirino del Fisco: quando scattano i controlli

Condividi

Conti correnti fisco controlliConti correnti fisco controlli

I conti correnti sono nel mirino del Fisco italiano: l’Agenzia delle Entrate ha stabilito parametri e criteri per innescare controlli su movimenti considerati “sospetti” mediante l’utilizzo di un nuovo algoritmo anti-evasione.

Il Fisco si avvale delle nuove tecnologie per ottimizzare tempi e risorse. In sostanza, il sistema utilizza un algoritmo che analizza l’Archivio dei rapporti finanziari e le banche dati impiegate nell’analisi del rischio. L’algoritmo, sulla base dell’esame dei dati disponibili, identifica se un determinato profilo o contribuente presenta problematiche.

Algoritmo anti-evasione

Le movimentazioni sospette che attivano i controlli del Fisco: L’archivio dei rapporti finanziari è una sezione specifica dell’Anagrafe tributaria e comprende una base dati con informazioni riguardanti:

i conti correnti e altri rapporti finanziari di cui un contribuente è titolare o a cui può accedere tramite deleghe o procure ad operare;
le movimentazioni contabili aggregate, il saldo iniziale, quello finale e, per alcune tipologie di conto, il valore medio di giacenza, relativi a ciascun rapporto continuativo in un anno solare, nonché alle operazioni cosiddette “extra-conto”, ovvero quelle effettuate al di fuori di un rapporto continuativo con l’intermediario finanziario.

NOTIZIE AGENZIA ENTRATE

L’accesso a queste informazioni consente al Fisco di identificare movimentazioni sui conti correnti che potrebbero indicare la presenza di ricavi o compensi non dichiarati; inoltre, permette di selezionare contribuenti con un rischio fiscale più elevato, che verranno sottoposti a ulteriori verifiche istruttorie.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie

Valtellina Mobile