27 Settembre 2023 01:44

I condizionatori naturali: le piante che mantengono la casa fresca

Condividi

Condizionatori naturali Condizionatori naturali – Alcune varietà di piante d’interno possono svolgere un ruolo attivo nel creare e mantenere un’atmosfera fresca e salubre, grazie alla loro proprietà di assorbimento dell’umidità.

Il segreto della loro efficacia risiede nel fenomeno della traspirazione, processo naturale per cui le piante rilasciano vapore acqueo nell’ambiente circostante, contribuendo pertanto alla modulazione di temperatura e umidità atmosferica. Di fatto, nonostante non siano la soluzione a problemi strutturali di umidità domestica.

Tra le piante con più efficaci nel raffrescamento dell’ambiente domestico ci sono l’edera (Hedera helix), lo spatifillo (Spathiphyllum) ed la lingua di suocera (Sansevieria). Queste piante tollerano diverse condizioni di luce e umidità e svolgono un ruolo attivo nel miglioramento della qualità dell’aria.

Condizionatori naturali – L’edera è una pianta versatile che si adegua con facilità a vari ambienti e condizioni luminose, è apprezzata per la sua abilità nel trattenere l’eccesso di umidità, aiutando a mantenere l’aria fresca, oltre a saper filtrare diverse sostanze nocive presenti nell’aria, inclusa la formaldeide.

Lo spatifillo, noto per la sua resistenza, ha l’abilità di assorbire l’umidità atmosferica. Necessita di scarse cure, si acclimate bene a diverse intensità di luce e ha la capacità di filtrare sostanze nocive come benzene, tricloroetilene e ammoniaca.

La lingua di suocera necessita di poche innaffiature e si adatta bene sia alla luce diretta che quella indiretta. Un aspetto interessante è la sua capacità di rilasciare ossigeno nel corso della notte, contribuendo così a migliorare la qualità dell’aria durante le ore di sonno.

News su Telegram o WhatsApp

Condividi

Ultime Notizie